Hai appena comprato un bellissimo acquario e sei pronto a dare il benvenuto ad un nuovo arrivato in casa?

Prima di poter farlo, però, bisogna attrezzarsi nel modo giusto per accogliere in modo adatto il nuovo arrivo.

Un acquario è facile da allestire e la cosa più importante che deve essere messa al primo posto nel montaggio, è scegliere il tipo di filtraggio più adeguato.
Il filtro è una parte fondamentale affinché l’acquario possa funzionare bene.

In questa guida andremo a parlare dei vari tipi di filtri per acquario in circolazione, del loro utilizzo e delle funzioni, per poi andare ad elencare i migliori tipi di filtri per acquario in commercio.

Come funziona un filtro per acquario?

Come abbiamo detto, il filtro è una delle parti più importanti di un acquario, ma come funziona?

OffertaBestseller No. 1
OMORC Filtro Acquario Interno Multifunzionale con 2 Spugne Filtranti Sostituibili per Serbatoio da...
  • FILTRO DI ACQUARIO MULTIFUNZIONALE: Supportato da un potente sistema di movimento da 4 W, l'acqua viene continuamente pompata per ottenere filtrazione, circolazione, arricchimento di ossigeno e...
OffertaBestseller No. 3
Tetra IN 400 Plus Filtro Interno per Scquari, Comodo e Potente, Filtro Interno per Il Filtraggio...
  • Tutti i filtri interni hanno camere filtranti divise in due; per acquari di 30 - 60 litri
Bestseller No. 4
NO.17 Filtro interno acquario 8W, filtro interno per acquario regolabile con pompa acqua 800L / H...
  • 🐟 [8W AQUARIUM FILTER]: Questo filtro interno per i pesci da pesca è un sistema che crea un ambiente di vita pulito e fresco per il tuo bellissimo pesce. 8 watt è l'ideale per acquari da 150-300...
Bestseller No. 5
Mantovani Pet Diffusion Filtro Eden 501
  • Filtro esterno per acquari fino a 60 L
Bestseller No. 6
OFKPO Filtro per Aquario, Sifone Filtro con Pompa a Vuoto, con Flusso Regolabile per Pulire...
  • Questo filtro per acquari sicuro e di buona qualità, design ultrasottile, consente di risparmiare spazio
Bestseller No. 7
Pompa Di Filtraggio Esterna Filtro Effetto Cascata Acquario Dolce E Salato Marino
  • FILTRO ESTERNO EFFETTO CASCATA PER ACQUARIO DOLCE SALATO

I filtri hanno il compito di andare a rimuovere le sostanze chimiche e i rifiuti presenti nell’acqua che vengono emessi da tutto ciò che l’acquario contiene tra cui pesci e coralli: dunque, è necessario montare un filtro adatto, affinché si possa far ossigenare l’acquario tramite la circolazione dell’acqua ed espellere tutte le sostanze nocive.

Filtri interni ed esterni:

Possiamo dividere i filtri in due gruppi:

  • filtri interni: che, come possiamo intuire, vengono immersi nell’acquario e sono quelli più semplici da utilizzare. Sono caratterizzati da un materiale plastico e, all’interno, è presente una pompa che ha il compito di risucchiare l’acqua da depurare.
  • filtri esterni: vanno installati al di fuori dell’acquario e l’acqua, che verrà depurata, viene risucchiata attraverso dei tubi.

E’ necessario sottolineare le differenze tra i due tipi di filtro, a partire dagli svantaggi:

Per quanto riguarda i filtri interni, sono caratterizzati da un’estetica che lascia molto a desiderare.

E’ ovvio che questo dipende dai gusti soggettivi degli acquirenti ma la maggior parte di questi non ama decorare il proprio acquario con oggetti poco eleganti.

In effetti, i filtri interni sono scatolette nere di plastica che, montate e installate in un acquario in cui è la natura a voler regnare, non è il massimo per la vista.

Parlando, invece, dei filtri esterni, ci sono diversi svantaggi di cui bisogna parlare: il prezzo è sicuramente superiore rispetto ai filtri interni.

La manutenzione, inoltre, richiede molta più attenzione e delicatezza in quanto questo tipo di filtro è formato da guarnizioni e componenti che hanno bisogno di essere aggiustati e, qualora si guastassero, di essere sostituiti.

Uno dei più importanti svantaggi, è il fatto che i filtri esterni per acquario sono molto ingombranti ed è difficile trovare una posizione adatta su cui poggiarli.

Filtrazione chimica, biologica e meccanica:

filtro per acquario da interno

Per quanto riguarda la filtrazione, si può spiegare dicendo che è un metodo utilizzato dal filtro per andare a separare i liquidi dai solidi.

Dunque, oltre alla distinzione fatta precedentemente, i filtri si possono suddividere sulla base dei metodi di filtraggio dell’acqua, in quanto ognuno di loro va ad utilizzare sistemi diversi:

  1. Filtrazione biologica: questo tipo di filtrazione è il più importante. Il fine è quello di depurare l’acqua ed eliminare l’ammoniaca e i nitriti. Come farlo? Attraverso un’attività biologica dei batteri. Il filtro permette la trasformazione delle sostanze nocive in prodotti che possono essere innocui per i pesci nell’acquario e anche per le piante.
  2. Filtrazione meccanica: con cui vengono raccolte le foglie morte e gli escrementi grazie alla presenza di parti spugnose nel filtro prima che possano diventare sostanze nocive. Queste spugne con porosità diverse, devono necessariamente essere pulite e sostituite periodicamente, circa ogni due o quattro settimane.
  3. Filtrazione chimica: con questo metodo di filtraggio è possibile tenere l’acqua limpida attraverso l’eliminazione di tutti i rifiuti, grazie all’azione di additivi chimici. Affinché un filtro possa funzionare bene, è necessario che tutta l’acqua passi attraverso di esso quattro volte ogni ora.

Sistema di filtrazione:

Esistono sette diversi sistemi di filtrazione tra cui si può scegliere.

Quando si va a scegliere quello più adatto, bisogna anche stare attenti a quale tipo di filtrazione offre (chimica, meccanica o biologica).

Andiamo a vedere velocemente i diversi sistemi, uno ad uno:

  • Filtri a scatola: vengono chiamati anche filtri d’angolo e sono più economici degli altri tipi, vengono utilizzati generalmente nei contenitori ospedalieri che accolgono i pesci ammalati.
    Si installano internamente e, alcuni modelli, hanno bisogno di pompe d’aria per funzionare e per riprodurre un movimento che possa spostare l’acqua nel filtro. Migliorano la filtrazione biologica e chimica
  • Filtri a scatola metallica: è un esempio di sistema che favorisce tutti i tre tipi di filtrazione (chimico, biologico e meccanico). Questo modello è adatto ad acquari con serbatoi medio-grandi. La pressione presente fa sí che l’acqua passi attraverso il filtro.
  • Filtri di gocciolamento: sistema che espone l’acqua ad una massima quantità d’aria.
    Il funzionamento prevede che l’acqua venga pompata dall’acquario e cominci a gocciolare, per poi passare attraverso una filtrazione meccanica, quindi attraverso una spugna. Quando filtrerà dai pori passerà in una fonte di materiale affinché possa avvenire una filtrazione biologica.
  • Filtri a spugna: installato in un tubo attraverso una pompa d’aria. L’acqua viene pressata verso quest’ultima, ciò favorirà la crescita dei batteri che andranno a garantire una filtrazione biologica. All’interno sono presenti filtri a spugna che attivano la filtrazione meccanica.
  • Filtri di potenza: può offrire contemporaneamente le tre filtrazioni, chimica, fisica e biologica, ed è il modello generalmente più utilizzato. Viene attaccato nell’acquario esternamente ed aspira l’acqua grazie ad un tubo che, scorrendo attraverso un tampone filtrante andrà ad essere depurata meccanicamente, per poi andare verso un filtro a carbone attivo che favorisce una filtrazione chimica e, infine, grazie ad una cartuccia del filtro vengono a formarsi i batteri necessari per la filtrazione biologica.
  • Filtri a letto fluido: è un esempio di filtro biologico che va ad usare sabbia o silice per filtrare l’acqua. L’acqua viene pompata e fatta fluire all’interno di un filtro e, quindi, attraverso una massa di sabbia. Qui si andranno a formare colonie di batteri che favoriranno la filtrazione biologica.
  • Filtri biatomici: è un sistema che rende l’acqua limpidissima in quanto è in grado di eliminare particelle molto piccole. Non è un filtro utilizzato regolarmente ed è per questo che ne esistono altri tipi che integrano inserti biologici nel caso in cui debba servire questo sistema biatomico.

Come scegliere il tipo di filtro per acquario adatto:

Dopo aver specificato i vari modelli di filtri presenti in commercio, è giusto specificare quali siano le caratteristiche essenziali che un filtro deve avere affinché possa essere adatto ad un acquario.

È necessario dire che ogni acquario ha bisogno di caratteristiche diverse, a seconda della capienza e, quindi, delle dimensioni.

  • Volume filtrante: ovvero lo spazio disponibile all’interno del filtro per i vari materiali filtranti.
  • La silenziosità: a seconda del luogo in cui posizioniamo l’acquario, c’è bisogno di più o meno silenziosità. E’ ovvio che, generalmente, si preferisce in tutti i casi un filtro silenzioso, soprattutto se l’acquario è posizionato in una stanza da letto in cui c’è bisogno di tranquillità.
  • Le dimensioni: quando si prendono le misure di un acquario è importante non tralasciare anche quelle del filtro. Se verrà posizionato in un’insenatura della casa, il filtro deve stare entro quelle misure ristrette.
  • La prevalenza: se parliamo di filtri esterni, ci riferiamo a quanto il filtro può essere in basso rispetto all’acquario. Se viene posizionato più in basso rispetto alla prevalenza, il filtro non funzionerà in quanto la pompa non sarà in grado di far tornare l’acqua aspirata all’interno dell’acquario.

Migliori filtri per acquario – Classifica con prezzi

miglior filtro per acquario

Per aiutarvi a scegliere il miglior filtro che più si può adattare al vostro acquario, andremo a fare una classifica in ordine casuale dei migliori filtri in circolazione.

  • Askoll Kompatto K2

Si parla di un filtro interno con massima capacità filtrante. E’ uno dei prodotti migliori in commercio e comprende:

– due spugne che riescono ad assicurare una filtrazione meccanica perfetta e una maggiore superficie filtrante, quindi una rimozione delle particelle presenti nella superficie dell’acqua più elevata.
– due spugne in poliestere con carbone attivo che rimuovono le sostanze nocive, medicinali e sostanze contaminanti. Questo rende l’acqua più limpida e salvaguarda la filtrazione chimica.
– la filtrazione biologica è garantita dalla presenza di un vano che contiene cannolicchi che assicurano la presenza di batteri che vanno a depurare l’acqua dall’ammoniaca.

Fa parte della categoria di filtri per acquario ad acqua dolce ed è adatto per acquari marini dai 45 litri ai 110 litri.

  • Askoll Trio

Askoll Trio è un altro modello di filtro interno adatto ad acquari con acqua dolce di piccole dimensioni dai 0 ai 70 litri.

Nella confezione vi sono: la pompa da 300 l/h, la spugna, il cannolicchio al carbone attivo e il filtro.

Questo vuol dire che questo prodotto favorisce e garantisce tutti e tre i tipi di filtrazione, chimica, biologica e meccanica.

La caratteristica principale di questo filtro è la praticità: è semplice da installare e montare e anche la manutenzione che va apportata è facile da praticare.

E’ un filtro molto silenzioso e anche molto potente: riesce a garantire sette cambi d’acqua all’ora.

  • Tetra EX 600 Plus

Tetra EX 600 Plus Set Filtro Esterno per Acquari
  • L'acqua trattata dal filtro, cristallina e sicura per i pesci, consente di godere ottimalmente dello spettacolo della vita nell'acquario; indicato per acquari con capacità da 60 a 120 litri

In questo caso, Tetra EX 600 Plus è un filtro esterno adatto ad acquari medio-grandi, dunque quelli che vanno dai 60 ai 120 litri.

E’ un modello molto capiente e silenzioso, anche se bisogna stare attenti ai pezzi più fragili del filtro che, se si danneggiano, bloccano l’intero meccanismo del filtro.

Il sistema di filtraggio è di ottima qualità anche se molto complesso: l’acqua deve passare attraverso cinque stadi prima di essere totalmente depurata.

Il filtraggio biologico è assicurato da anelli ceramici, una spugna tradizionale e filtri al carbone attivo.

Questo filtro assicura una filtrazione principalmente biologica, a discapito di quella chimica e meccanica seppur attuate.

La capienza è la caratteristica importante di questo filtro, in quanto permette la depurazione di una maggiore quantità d’acqua.

  • Hydor

Uno tra i filtri esterni per acquario più adatti a depurare oltre 150 litri di acqua, è Hydor.

Ha una portata di 580 litri/h dunque è molto potente e si basa su un sistema che assicura tutti i tipi di filtraggio.

E’ semplice da installare, anche se l’acquirente deve rifarsi al suo ingegno in quanto non sono presenti nella confezione le istruzioni di montaggio per capire quale sia la giusta posizione dei tubi.

I vantaggi di questo prodotto sono due: è molto efficiente e silenzioso. Questi però sono accompagnati da due punti di debolezza: la mancanza di alcuni accessori come il carbone attivo e mancano le istruzioni che, solitamente, sono indispensabili.

  • Mantovani Pet Diffusion Filtro Eden 501

Questo modello è di tipo biologico ed è adatto ad acquari di piccola dimensione che possono contenere massimo 60 liti di acqua.

E’ un filtro a canestro e contiene nella confezione tutti i materiali utili per il filtraggio.

Inizialmente risulta rumoroso ma, successivamente, comincia ad essere più silenzioso. E’ il modello più economico e questo è un vantaggio, in quanto molte persone preferiscono spendere poco nei filtri.

Alcune recensioni riportano che, i materiali inclusi nella confezione non siano abbastanza per il buon funzionamento del filtro ed è per questo motivo che si devono fare spese extra per completare il set.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here