E’ molto importante spazzolare il proprio cane, perché in questo modo si toglie il pelo in eccedenza senza doverlo per forza lavare.

Alcuni cani amano farsi spazzolare dal proprio padrone, ma altri invece odiano questo momento, quindi purtroppo bisogna forzarli.

Per poter farlo correttamente bisogna conoscere la tipologia di pelo e quindi la miglior spazzola per cani necessaria da dover utilizzare.

Ecco una guida per conoscere i metodi per spazzolare i vostri cani.

Perché devi spazzolare il tuo cane?

Dal pelo si può capire se il vostro amichetto è in salute o meno, perché quando è diverso dalla normalità, (ad esempio più secco o al contrario più grasso o si verifica una grossa caduta), potrebbe significare la presenza di un problema: proprio per questo motivo è molto importante spazzolarlo con constanza e nel modo giusto.

La spazzolatura comporta anche altri vantaggi al nostro cagnolino, come il controllo dell’eventuale presenza di zecche o pulci o della presenza di ferite sul corpo.

Questa pratica deve essere svolta con una certa fequenza e alcuni cani la amano perché è un momento di intimità con il padrone e si sentirà subito al centro dell’attenzione, come le carezze e le coccole, altri invece non lo amano per niente.

Questa attività deve essere svolta specialmente ai cambi di stagione, quando la maggior parte dei cani cambia il pelo.

Alla fine di questo trattamento si eviterà di trovare troppi peli in giro per casa e il cagnolino avrà un aspetto più curato e pulito.

Quando e con quale frequenza spazzolare il cane?

Per stabilire la frequenza di spazzolatura per il cane, bisogna capire prima quale sia la sua tipologia di pelo.

L’obbiettivo principale di questo procedimento è quello di eliminare i peli in eccesso e le cellule morte, quindi si deve spazzolare per circa 5 minuti al giorno, invece di farlo una volta al mese per diversi minuti, proprio come tutte le altre pulizie dell’uomo.

Bisogna scegliere accuratamente il momento in cui spazzolare il proprio amico a quattro zampe, specialmente quando è tranquillo, in modo da rendere la spazzolata un momento piacevole sia per lui che per il padrone; è tuttavia importante non interromperlo mentre sta giocando, perchè probabilmente odierà farsi spazzolare.

Dopo una lunga camminata, i cani si stancano e quindi bisognerebbe lasciarli tranquilli a riposarsi, senza stressarli ulteriormente, quindi questo momento non deve essere una situazione per infastidirli.

Strumenti necessari per spazzolare un cane:

Spazzolare il cane

Ogni stagione è ideale per spazzolare il nostro amichetto a quattro zampe, ma in estate è il periodo in cui ha più necessità di attenzioni, perché perde molto pelo e la lanugine scalda la sua pelle, causandogli più calore.

Il pelo del cane è molto importante per conferirgli il giusto calore durante l’inverno, proprio per questo non è necessario rasarlo, ma con la spazzola si eliminano le cellule morte e i peli in eccesso; questo procedimento è necessario per assicurare una buona igiene.

Gli attrezzi necessari per il cagnolino sono: il pettine cardatore e una spazzola con setole in acciaio, con dimensioni giuste in base alla grandezza del cane e alla lunghezza del pelo.

Essi sono indispensabili per un cane a pelo lungo e medio, invece per un cane con il pelo corto è utile la spazzolina che è dotata di pettine all’estremità.

Come spazzolare il cane in base al pelo:

Il metodo con il quale si pazzola dipende dalle caratteristiche e dalla lunghezza del pelo.

Ora parleremo dei tipi di spazzole per cani da utilizzare rispetto al suo pelo e dei consigli su come spazzolarlo nel modo migliore.

Se il cane ha il pelo corto, si può spazzolare tranquillamente una volta a settimana, invece uno a pelo lungo ogni due o tre.

Se il vostro cagnolino ha il pelo corto, si può pettinare in modo meno accurato, invece se ha il pelo lungo, bisogna avere più attenzione, per evitare la formazione di nodi.

Qualunque sia il pelo del vostro cagnolino, dovete ricordarvi che non dovete fargli male e dovete usare con delicatezza le spazzole che comprate.

Questa tipologia di spazzola è ideale per effettuare una spazzolatura semplice e su qualsiasi pelo e perfetta se viene utilizzata con molta frequenza su un cane con il pelo corto.

  • Come si spazzola il cane a pelo corto?

Un cane a pelo corto si deve spazzolare un paio di volte e con delicatezza, seguendo la stessa direzione del suo pelo, in modo tale da togliere ogni nodo eventualmente presente.

Successivamente dovete spazzolarlo nella direzione opposta del pelo, per rimuovere le cellule morte e massaggiarlo; in questo modo si attiva anche la circolazione del sangue.

Per finire la spazzolatura, bisogna procedere nella direzione del pelo, in modo da pettinarlo e lasciarlo ordinato.

  • Come si spazzola il cane a pelo medio?

Prima di procedere alla spazzolatura, per un cane a pelo medio bisogna districare il mantello con un pettine adatto ed eliminare i nodi con molta delicatezza. Esso può essere di plastica o metallo e la punta delle setole deve essere arrotondata per non graffiare la cute del cagnolino.

Per un pelo medio, bisogna usare un pettine con le setole più lunghe rispetto a quelle per il pelo corto, oppure utilizzare un cardatore che presenta le setole corte.

Spazzolare un cane con il pelo medio è simile a spazzolare un animaletto con il pelo corto, infatti si deve iniziare nella stessa direzione del pelo, poi contropelo per eliminare le cellule morte e per finire, procedere con la direzione del mantello.

Bisogna spazzolare il cane sempre in modo delicato, eliminando i nodi eventualmente presenti e prevenire la comparsa di essi.

  • Come spazzolare un cane con il pelo lungo?

Per questi cani bisognerebbe utilizzare una spazzola specifica, perché non si devono solamente eliminare i nodi, ma a causa della lunghezza, bisogna effettuare anche una pettinatura che conferisce ordine.

Il pelo non deve presentare nodi, quindi se sono presenti, si devono utilizzare il pettine e le forbici a punta arrotondata, prima di spazzolare.

Conviene spazzolare il vostro amico a quattro zampe quando il pelo è leggermente umido e applicare un balsamo e successivamente si asciuga bene.

Se i peli del cane sono lunghi, anche le setole della spazzola devono esserlo; se spazzolate contropelo, dovete farlo con spazzole corte e in modo delicato.

  • Spazzolare un Barboncino

Queste specifiche razze sono caratterizzate da un pelo riccio e spesso lungo, quindi per spazzolarli bisogna utilizzare preferibilmente un pettine metallico a denti distanti, che sono specifici per i Barboncini.

Sul mercato esistono diversi tipi di pettini per questo pelo, che evitano di strapparlo e danneggiarlo ulteriormente.

Bisogna eliminare i nodi con l’utilizzo delle forbici e poi spazzolare il cane contropelo in modo delicato, per non permettere che acquisisca elettricità statica e perda il riccio naturale. Utilizzando lo stesso pettine, bisogna spazzolarlo nella stessa direzione del pelo e con delicatezza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here