Caccia alle balene: in Islanda si uccide ancora

Sea Shepherd Regno Unito ha documentato l’abbattimento di 7 balenottere comuni

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

L’equipaggio di Sea Shepherd Regno Unito ha documentato l’uccisione di 7 balenottere comuni, specie in via di estinzione, da parte della compagnia di caccia alle balene a fini commerciali, Hvalur hf.balene

L’equipaggio di Sea Shepherd Regno Unito sta operando in Islanda dalla metà di giugno, monitorando le attività della nota società baleniera Hvalur hf, di proprietà del ricco magnate della pesca, nonché baleniere di seconda generazione, Kristján Loftsson” dichiara nel comunicato l’associazione. “La compagnia possiede una grande stazione baleniera sul lato nord di Hvalfjörður e due vecchie navi baleniere costruite in Norvegia, la Hvalur 8 (costruita nel 1948) e la Hvalur 9 (costruita nel 1952), le quali cacciano esclusivamente le balenottere comuni, una specie in via di estinzione, e che rappresenta il secondo animale più grande sul pianeta dopo la balenottera azzurra. La quota assegnata a Hvalur dal governo islandese per il 2018 ammonta ad uno sconcertante totale di 161 balenottere comuni, a cui si aggiungono altri 30 esemplari dalla quota inutilizzata del 2017, le quali possono essere uccise durante una stagione di caccia, iniziata lo scorso 10 giugno e che durerà 100 giorni”.

Secondo quanto riportato da Sea Shepherd, la compagnia di Loftsson non cacciava balenottere comuni dal 2015, anno in cui le sue due navi uccisero 155 esemplari. In seguito, però, Loftsson e la sua compagnia ebbero problemi con l’esportazione della carne, soprattutto in Giappone (il principale acquirente di carne e prodotti islandesi a base di balenottera comune), a causa dei risultati di alcuni test sugli standard alimentari giapponesi che rivelarono un tasso troppo alto di agenti contaminanti, portando ad un blocco della vendita dei prodotti derivanti della stagione di caccia di quell’anno.

Questo, di fatto, ebbe come conseguenza la chiusura ad ulteriori importazioni islandesi di balenottera comune e da settembre 2015 le due navi della compagnia sono rimaste ormeggiate nel vecchio porto di Reykjavik fino al 19 giugno di quest’anno, quando la Hvalur 8 ha lasciato Reykjavik e, dopo un veloce rifornimento presso la stazione baleniera di Hvalfjörður (dove è stata fotografata dall’equipaggio di Sea Shepherd), è salpata per la prima battuta di caccia del 2018. Sea Shepherd sta documentando (con video, foto e, quando possibile, dirette sui social network) ogni rientro della Hvalur 8 e la macellazione delle balene presso la stazione baleniera di Hvalur hf.balene“La nave baleniera Hvalur 9 ha completato i lavori di riparazione il 27 giugno ed è stata fotografata mentre usciva dal porto di Reykjavik la mattina del 29 giugno”, ha dichiarato Robert Read, direttore operativo di Sea Shepherd Regno Unito. “A breve caccerà balene insieme alla nave gemella Hvalur 8, raddoppiando il lavoro del nostro equipaggio, i cui membri hanno raggiunto l’Islanda da quattro nazioni diverse per smascherare questa caccia arcaica e commerciale ai danni di balene in via d’estinzione”.

Fonte e foto: Sea Shepherd

© Riproduzione riservata