Sequestrato un pappagallo Amazzone fronte gialla grazie a OIPA Roma

Detenuto illegalmente e in condizioni incompatibili con la propria natura, aveva subito anche il taglio delle remiganti dell’ala sinistra

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Un esemplare di “Amazona ochrocephala”, nome comune Amazzone fronte gialla, è stata trovato in possesso di una donna, senza la necessaria documentazione di provenienza.amazzoneLa specie in questione, presente in natura nella metà settentrionale del continente sudamericano, rientra nell’allegato B della convenzione di Washington conosciuta come CITES, la detenzione senza la documentazione di provenienza dell’animale, in Italia è un reato pesantemente punito dalla Legge n.150 del 1992 che prevede in questi casi un’ammenda fino a 200mila euro o l’arresto da sei mesi ad un anno.

Ancora una volta le Guardie Zoofile dell’OIPA sono intervenute in soccorso di un animale esotico protetto, maltrattato e detenuto illegalmente: il bellissimo pappagallo, infatti, è stato trovato dalle Guardie Zoofile dell’OIPA all’interno di un’attività commerciale a sud di Roma, detenuto all’aperto nonostante la temperatura rigida, e all’interno della gabbia era presente cibo inadeguato, addirittura residui di pasta.

Le condizioni generali erano scadenti, presentava una zona deplumata ed aveva l’occhio sinistro gonfio. Gli agenti dell’OIPA si sono inoltre insospettiti per il fatto che l’animale pur potendo allontanarsi, grazie alla gabbia aperta, stranamente non accennava al volo. “Più tardi, durante la visita veterinaria, i sospetti sono diventate certezze” hanno dichiarato i volontari “l’Amazzone non volava perché era priva delle remiganti dell’ala sinistra, cosa che ovviamente le impediva il volo”.

L’Amazzone è stato posto sotto sequestro a disposizione dell’Autorità Giudiziaria e la proprietaria è stata denunciata oltre che per il reato di detenzione illegale di specie protetta, anche per maltrattamento di animali e detenzione in condizioni incompatibili con la propria natura.

Fonte e foto: OIPA

© Riproduzione riservata