Pepette: la rinascita di una guerriera

Trovata con una grande ferita al volto, malata di leishmania e piena di zecche, oggi è salva grazie a OIPA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Se oggi Pepette corre, gioca e sorride alla vita, è grazie alla sua grandissima forza d’animo e alle cure meticolose e costanti dei volontari OIPA che, dal giorno del suo ritrovamento due anni fa, non l’hanno mai lasciata sola, lottando insieme a lei per arginare l’infezione che minacciava di cancellare il suo musino e contrastare le varie patologie che l’affliggevano, tra cui la leishmania a livelli molti alti e diverse patologie causate dalle zecche.PepetteQuesta minuta cagnolina di 6 anni, infatti, era stata ritrovata in condizioni davvero critiche: segnalata ai volontari dell’OIPA di Agrigento con una gravissima ferita al muso, era stata condotta d’urgenza presso una clinica per ricevere assistenza sanitaria. Nonostante numerose indagini, tra cui una biopsia, non era emersa la causa che l’aveva portata a perdere quasi metà volto.

Tuttavia, dopo i primi incoraggianti miglioramenti un anno fa la situazione era precipitata: nonostante le medicazioni quotidiane, la ferita al muso continuava ad espandersi, causandole non solo un forte dolore, ma anche difficoltà di alimentazione.

La sua condizione è per di più aggravata da una forma aggressiva di leishmania che indeboliva il suo sistema immunitario e che si sospettava fosse anche la causa delle sue difficoltà di deambulazione, che spesso la portavano a camminare poggiandosi sulle sole zampe anteriori.

Una corretta terapia per la leishmaniosi, periodiche pulizie chirurgiche della ferita, accurate medicazioni di mantenimento, terapie giornaliere ed esami di approfondimento: “Pepette non si è fatta mancare nulla per tornare a splendere di quella luce che solo una vera amante della vita come lei può avere negli occhi. Ad oggi la leishmania è presente ma a livelli molto bassi, le malattie da zecche sono debellate, emocromo e biochimico sono perfetti, l’infezione al volto è sotto controllo ma non ancora sconfitta. Per questo aspettiamo gli esiti di ulteriori analisi, tamponi e biopsia, che permetteranno di appurare come è meglio procedere per vincere l’ennesimo round di questa lunga battaglia” dichiarano soddisfatti i volontari dell’OIPA. “La nostra piccola guerriera non demorde e nonostante tutto si gode la vita sorridendo al mondo, e noi non possiamo che sorridere insieme a lei”.

Se poi arrivasse anche l’adozione giusta….

Per informazioni su Pepette e gli aiuti da offrire: Laura Samaritano, Delegata OIPA Agrigento e provincia; Tel. 342 1836988 – agrigento@oipa.org

Fonte e foto: OIPA

 

© Riproduzione riservata