Paluani accoglie le richieste di Animal Equality: un passo avanti per le galline ovaiole

Entro il 31 dicembre 2019 tutti i prodotti non conterranno più uova provenienti da allevamenti in gabbia

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Paluani annuncia pubblicamente il proprio impegno a non utilizzare uova di galline allevate in gabbia.Paluani“Il comunicato, consultabile sul sito aziendale, arriva dopo un’intensa campagna di Animal Equality che segna un risultato storico e si posiziona come la campagna più efficace mai portata avanti dall’organizzazione in Italia fino ad oggi” annuncia soddisfatta l’associazione. “In soli 11 giorni infatti, sono state raccolte più di 15 mila firme e decine di migliaia di consumatori hanno fatto pressione per esortare l’azienda a prendere le distanze dalle uova di galline in gabbia”.

Non è la prima volta che Paluani si dimostra attenta alle esigenze dei consumatori più sensibili nei confronti della sofferenza degli animali allevati a scopo alimentare. Infatti, già nel 2017 l’azienda aveva lanciato una linea di prodotti da ricorrenza elaborati con ingredienti 100% di origine vegetale.

Nel 2017, abbiamo scelto di dedicare una parte importante della nostra produzione a dolci liberi da ogni ingrediente di origine animale: i prodotti vegani de L’Edenista. Un ulteriore passo importante in questo percorso di qualità e rispetto, riguarda la scelta di uova da galline allevate a terra. Una strada che abbiamo intrapreso da qualche anno, resa ardua anche dal difficile reperimento della materia prima, ma che, grazie anche alle attività di sensibilizzazione promosse da Animal Equality, crediamo sia più che mai giusto portare a termine” dichiara l’azienda. “Ci vuole tempo? Sì, ci vuole tempo per un’azienda che vuole fare il cambiamento, piuttosto che ipotizzarlo, ma siamo fieri di comunicarvi che entro il 31 dicembre 2019, il 100% dei nostri dolci contenenti uova, sarà preparato utilizzando solo uova da galline allevate a terra, all’aperto o biologiche”.

L’azienda veronese si aggiunge alla lista delle aziende che hanno già preso questo impegno come Sodexo, Pedevilla e Lidl Italia. 

La politica di Paluani, che avrà un impatto su decine di migliaia di galline ovaiole, costituisce un importante passo avanti per l’azienda, la quale ha così dimostrato di saper prestare ascolto alle richieste dei consumatori e di prendere in seria considerazione la sofferenza degli animali coinvolti nella propria filiera” conclude Animal Equality. “Da parte di Animal Equality siamo felici di questo importante risultato e vogliamo ringraziare i Difensori degli Animali per aver reso possibile questa vittoria”.

Difensori degli Animali sono un gruppo creato da Animal Equality di quasi 8 mila persone che si dedica ogni giorno a combattere la crudeltà negli allevamenti con semplici e velocissime azioni che possono essere compiute direttamente da casa e fare una grande differenza per gli animali.

Fonte e foto: Animal Equality

© Riproduzione riservata