Il CONI conferma: i cavalli FISE non sono macellabili

LNDC e Progetto Islander chiedono il ripristino di una norma federale chiara che non dia spazio a interpretazioni differenti o ambiguità

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

I cavalli iscritti nei ruoli della Federazione Italiana Sport Equestri (FISE) sono atleti e quindi non sono macellabili per la produzione di alimenti.

FISEUna norma fondamentale a tutela di cavalli e pony che la FISE ha adottato per la prima volta nel 2006 e rideliberata, nell’ambito di uno specifico Regolamento FISE, dal Commissario Straordinario Gianfranco Ravà nel 2015.

Il Regolamento federale poneva fra i punti principali della tutela del cavallo la possibilità d’iscrizione per tutti i cavalli e pony, purché NON DPA (ossia non destinabili alla macellazione per la produzione di alimenti). Ribadisce LNDC: “Precisiamo che la norma si rivolge ai cavalli e pony atleti in quanto l’immissione al Registro FISE è possibile per i soli cavalli atleti”.

Lo scorso 5 dicembre l’attuale presidente federale Di Paola” continua LNDC Animal Protection “ha infatti proposto di cancellare questa regola supportato dalla maggioranza del consiglio federale sostituendola con un’altra che consente l’iscrizione nei ruoli FISE anche a cavalli DPA. Una delibera che è stata motivo di profondo imbarazzo e disagio non solo del comparto equestre ma in ambito animalista nazionale”.

“Il testo pubblicato, approvato al 7/01/2018, sebbene non ancora deliberato, prevedeva infatti che potessero essere macellabili anche cavalli e pony impiegati in qualunque attività, disciplina e gara sino a 6 anni di età. LNDC Animal Protection e Progetto Islander avevano già espresso la loro opinione in un precedente comunicato congiunto e ribadiscono nuovamente la loro totale opposizione nei confronti di una norma che consenta la macellazione degli equidi iscritti al Registro FISE, sottolineando che le suddette associazioni auspicano comunque il riconoscimento di tutti gli equidi come animali di affezione escludendone quindi la macellazione” ribadisce l’associazione.

“È urgente un intervento definitivo del CONI che ripristini la norma come era originariamente e che non lasci dubbi interpretativi. La nostra posizione è NO ai cavalli DPA in Fise”, afferma Nicole Berlusconi, Presidente di Progetto Islander.

Dello stesso parere Piera Rosati, Presidente LNDC Animal Protection, che dichiara: “Le parole del Presidente Malagò sono molto precise e ci aspettiamo quindi che vengano messe in pratica, tornando ad avere delle regole chiare, senza ambiguità e senza possibilità di deroghe sulla non macellabilità dei cavalli iscritti ai ruoli FISE”.

Fonte e immagini: LNDC

© Riproduzione riservata