Randagi per Caso Onlus: in aiuto ai cani del sud ma non solo

Aumentano gli abbandoni di cani di proprietà anche al nord

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Randagi per Caso Onlus nasce nel 2016 da un gruppo di volontarie della provincia di Monza Brianza, con alle spalle anni di esperienza in canili e associazioni animaliste nazionali, accomunate da un profondo amore per gli animali.Randagi per Caso OnlusIn questi anni ci siamo focalizzate sullo stallo di cani in difficoltà, e sulla ricerca di una nuova e degna famiglia per loro” dichiara Sara Danesi, Presidente dell’associazione. “Il nostro aiuto è rivolto principalmente ai cani che provengono dal sud Italia, dove la situazione del randagismo è tragica, dove le istituzioni sono latitanti e non si adoperano in modo fattivo per la risoluzione di questa piaga, dove associazioni locali e singoli volontari sono abbandonati a sé stessi e possono contare solo sulle loro forze per aiutare i troppi animali abbandonati”.

L’associazione fa arrivare in pensione i cani presso il Canile e Gattile Fusi di Lissone (MB) o in stalli casalinghi per i casi più delicati, che dopo essere stati valutati dal punto di vista sanitario e caratteriale, e dopo essere stati sottoposti a profilassi veterinaria ed eventuale sterilizzazione, vengono inseriti nel programma di adozione.

Tutte le spese (viaggio, spese veterinarie, stallo) sono sostenute dall’associazione, la quale è autofinanziata dai volontari stessi e da donazioni private.

Ultimamente, vista la crescente crisi economica che sta colpendo tutto il nostro Paese, sono aumentate le richieste di cessione di cani di proprietà anche qui al nord” denuncia Sara Danesi. “Il fenomeno dell’abbandono, famoso nel sud Italia, sta aumentando a livello esponenziale anche qui. Ovviamente i Canili Comunali non ritirano cani di proprietà regolarmente microchippati, in quanto si tratta per la legge di ‘reato di abbandono’. Per evitare che questi animali finiscano chissà dove, abbiamo deciso di occuparci anche di loro”

Da ottobre 2017 sono entrati a far parte dell’associazione Randagi per Caso Onlus, i volontari che si occupano del Gattile presente presso il Canile e Gattile Fusi di Lissone, che si occupano ogni anno di trovare casa a oltre 150 mici domestici e di sterilizzare e rimettere sul territorio circa un centinaio di selvatici.

Abbiamo deciso di ‘unire le forze’ per poter aiutare cani e gatti indistintamente. Ogni piccolo aiuto sarà per noi prezioso per il nostro progetto!” conclude Sara. 

IL CASO DEL CUORE: TIGROTTO

Randagi per Caso OnlusLa storia di Tigrotto sembra quasi la trama di un film, a cui manca però ancora un lieto fine. Probabilmente nato in casa e successivamente abbandonato in strada, poco più che cucciolo, è stato accalappiato dopo un incidente che gli ha messo fuori uso una delle zampe anteriori.

Dimenticato” nel canile di Palermo, li è rimasto per 5 lunghi anni, senza cure e con la zampina diventata ormai deformata.

Una volta conosciuta la sua storia, abbiamo deciso di farlo arrivare da noi al nord” racconta Sara Danesi “con la speranza era che si potesse fare qualcosa per la sua zampa. Visitato dagli ortopedici della nostra Clinica di fiducia, non solo il responso è stato negativo, ma i veterinari hanno riscontrato che Tigrotto presentava forte dolore dovuto alla posizione anomala dell’arto, ed è stata perciò consigliata l’amputazione. L’intervento è stato più complesso del previsto, in quanto l’ortopedico ha dovuto asportare completamente anche la spalla, ma Tigrotto si ripreso velocemente, è un cane forte, tenace e coraggioso. Ha tanta voglia di giocare e interagire con i suoi compagni e con le persone”.

Sono passati 9 mesi dal suo arrivo a Milano. Attualmente Tigrotto è in stallo casalingo, dove è davvero il perfetto cane di casa. Ora è sereno, ma si potrà scrivere un vero lieto fine quando avrà in una casa tutta sua!” conclude l’associazione.

RANDAGI PER CASO ONLUS
Per informazioni: 3476008168
randagipercaso@gmail.com
Pagina Facebook

© Riproduzione riservata