Pellicce: anche in Norvegia stop dal 2025

Il Governo ha promesso di chiudere tutti gli allevamenti di animali da pelliccia

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Il Governo della Norvegia ha promesso di chiudere tutti gli allevamenti di animali da pelliccia entro il 2025, ovviamente con grande soddisfazione delle associazioni animaliste.NorvegiaLa Norvegia si aggiunge così alla lista dei 13 paesi europei che hanno già deciso di mettere fine a questo settore.

Eppure ci sono circa 250 vivai di volpi e visoni in Norvegia, e l’allevamento di visoni da pelliccia è attualmente in crescita, con diversi investimenti in atto per la realizzazione di nuove fattorie. Ad oggi il Paese produce circa un milione di pelli l’anno.

Da quando, dunque, un Governo abolisce un settore in crescita? Secondo l’Independent, seppur alto in confronto per esempio alla realtà italiana, il numero delle fattorie norvegesi si è estremamente contratto nell’ultimo secolo: nel 1939 si contavano 20 mila allevamenti.

“Attualmente non è un business molto redditizio in Norvegia” ha dichiarato all’Independent Sveinung Fjose, di Menon Business Economics ed esperto di allevamenti di animali da pelliccia. “Non inciderà (la chiusura del settore-ndr) in modo grave sull’economia norvegese”.

Secondo i dati del 2013, infatti, è ormai la Cina che domina il mercato: la Norvegia produce solo il 3% delle pelli di volpe e l’1% di quelle di visone.

Quanto toccherà finalmente all’Italia?

Fonte: The Independent
Foto: Pixabay

© Riproduzione riservata