Fiori di Bach e disturbi comportamentali del coniglio

Ecco 3 casi in cui possono essere utili

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

I Fiori di Bach possono essere un valido supporto nel tentativo di lavorare sulle emozioni che trovano espressione in un determinato comportamento. Molto spesso, infatti, ciò che definiamo “disturbo comportamentale” non è altro che il modo che gli animali hanno di comunicarci ciò che stanno provando. Alla base di ogni comportamento c’è sempre un’emozione e questo vale tanto per gli esseri umani, quanto per gli animali.Fiori di BachA volte, tali “disturbi” sono manifestazioni che necessitano di accertamenti o interventi medico veterinari, mentre altre volte derivano proprio da situazioni e vissuti che provocano disagio all’animale.

Ecco 3 principali disturbi comportamentali del coniglio e loro possibili cause.

1. AGGRESSIVITÀ
I conigli non sono sempre quei teneri batuffolini tirabaci che tutti immaginano. Sanno essere anche particolarmente ostili e aggressivi, sebbene di solito questo avvenga in circostanze specifiche come il sopraggiungere della maturità sessuale o la presenza di altri conigli o altri animali, una volta che hanno territorializzato l’ambiente in cui vivono. Anche alcune patologie particolari possono indurre il coniglio a comportarsi con aggressività, pertanto, qualora dovesse trasformarsi in coniglio mannaro, la prima cosa da fare è senza dubbio rivolgersi al proprio veterinario esperto in esotici di fiducia. Solo se dal punto di vista medico non risulta nulla di anomalo, allora ci si può rivolgere a un esperto del comportamento del coniglio per valutare cosa può affliggere il nostro lapino e come si può intervenire. In questo caso, i Fiori di Bach possono essere un valido supporto.

2. MARCATURE CON FECI E URINA
I conigli sono animali molto territoriali; alcuni di essi lo sono addirittura eccessivamente. La marcatura del territorio con feci e urina è un passaggio fondamentale dello sviluppo sessuale. La sterilizzazione/castrazione, oltre a prevenire una serie di rischi per la salute del coniglio, aiuta molto a ridurre o addirittura eliminare il comportamento di marcatura, poiché interviene liberando l’animale dallo stress ormonale. Ci sono tuttavia situazioni come l’arrivo di un nuovo animale in casa, la nascita di un bimbo, l’introduzione in famiglia di un nuovo membro o alcuni cambiamenti in generale che possono indurre il coniglio a marcare il territorio, disseminandolo di palline di feci o di spruzzi di urina. Parlandone con uno specialista del comportamento del coniglio si potrà cercare di individuare la causa primaria che crea disagio. Anche in questo caso i Fiori di Bach, opportunamente scelti in base alle evidenze emerse, possono aiutare a contenere o eliminare il problema.

3. CONIGLIO CHE ROSICCHIA/SCAVA INTENSAMENTE
La causa principale di un coniglio che rosicchia o scava ossessivamente è sicuramente lo stress. Se il coniglio è in età di sviluppo sessuale, lo stress è senza dubbio portato dagli ormoni che lavorano e nella maggioranza dei casi la sterilizzazione/castrazione risolve il problema. Può comunque capitare che, fatte salve alcune patologie specifiche, il coniglio subisca dello stress per i motivi più diversi: dal cambio stagionale, alla muta del pelo; da cambiamenti nella routine quotidiana, a motivi più sottili e meno identificabili immediatamente. Per prima cosa è bene rivolgersi sempre al proprio medico veterinario esperto in esotici. Se questi stabilisce che la causa dello stress non è clinica, allora si può certamente parlare di un disturbo del comportamento, che potrà essere trattato parlandone con un operatore esperto nell’etologia delle relazioni con gli animali, meglio se specializzato nel comportamento del coniglio, e che potrà avvalersi anche del supporto dei fiori di Bach, per lavorare direttamente sulle emozioni sottese che si traducono nel comportamento ossessivo di rosicchiamento o scavo.

Quelli che abbiamo contemplato sono i disturbi comportamentali più frequenti con cui i proprietari di conigli si trovano ad avere a che fare. Possono poi rientrare nei disturbi comportamentali anche una serie di piccoli atteggiamenti “anomali” che il coniglio può adottare ogni giorno, ma per rientrare effettivamente sotto la categoria di “disturbi” dovrebbero essere osservati e documentati come atteggiamenti ripetuti ed effettivamente disturbatori, ed essere discussi con il proprio medico veterinario e con un consulente del comportamento del coniglio.

I Fiori di Bach agiscono per risonanza vibrazionale sulle emozioni che manifestano determinati comportamenti, andando a ristabilire l’armonia laddove c’è un disagio e un contrasto. Agiscono quindi a livello profondo, giacché il comportamento non è altro che la traduzione in fatti e azioni di uno stato emotivo alterato per qualche ragione. Per questo è fondamentale che proprietario e specialista del comportamento del coniglio entrino in dialogo, perché solo con uno scambio e un aiuto reciproco si può effettivamente arrivare a decifrare cosa disturba l’animale e trovare la soluzione più adatta.

Fonte: Romy Carminati
Etologa Relazionale. Educatrice e Mediatrice nell’Interazione e nella Relazione Umano-Coniglio
Addestrareconigli.it
Foto: Pixabay

addestrare conigli

© Riproduzione riservata