Love Food: la riserva di cibo salva-emergenze

Scorte di cibo al lumicino? Ci pensa Almo Nature

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Love Food è la riserva alimentare europea di Almo Nature che distribuisce ogni anno fino a 1 milione di pasti ai gatti e ai cani che vivono situazioni di emergenza.Love FoodA quale gattile o canile non è capitato almeno una volta di ritrovarsi a corto di cibo? Sappiamo bene che per i rifugi cibo e spese veterinarie sono le voci di costo più impegnative da affrontare.

Purtroppo oggi in Italia non esistono vere politiche di sostegno da parte delle Istituzioni alle associazioni che si occupano di randagi e nella quasi totalità dei casi, anche là dove esistono dei contributi statali, questi non bastano a coprire tutti gli interventi necessari sul territorio.

E così Almo Nature dal 2014 ha istituito un fondo dedicato alle associazioni onlus e non onlus al quale i volontari possono accedere per ottenere pasti gratuiti per cani e gatti randagi.

“Non facciamo differenze tra le associazioni, ma controlliamo che facciano un lavoro serio nei confronti degli animali” ci spiega l’azienda. “Doniamo al piccolo rifugio come alla onlus presente su tutto il suolo nazionale, a chi ha una struttura e a chi semplicemente cerca di fare il possibile direttamente sul territorio”.

Non è necessario, infatti, che l’associazione richiedente gestisca un rifugio: alcune di quelle che hanno beneficiato della donazione in questi ultimi anni aiutano canili, pensioni, stalli per animali in attesa di adozioni, colonie feline, gattare o famiglie in difficoltà economiche, come testimoniano le tante foto di ringraziamento ricevute dai responsabili del progetto Love Food. Generalmente viene elargita una sola donazione all’anno per associazione, così che tutte le richieste possano essere soddisfatte.

Le associazioni che vogliono ricevere una donazione devono fare la richiesta sul Donation Desk, fornendo statuto (se onlus i documenti che attestano l’iscrizione all’anagrafe unica delle onlus), documento del rappresentate legale e descrizione della situazione di emergenza.Love FoodUna volta ricevuta la richiesta, l’ufficio di competenza la esamina e, se viene approvata, nel giro di 15/20 giorni l’associazione riceve i pasti: “Abbiamo una produzione e una logistica fatta appositamente per Love Food, per essere in grado di rispondere tempestivamente a tutte le richieste di aiuto. A volte le emergenze riguardano anche 500/600 gatti, per esempio. In questi casi preferiamo aiutare tutti, che inviare tanto a una sola associazione: quest’anno abbiamo già donato a più di 50 associazioni in Italia” dichiara Almo Nature, che ha destinato nel 2016 oltre 199 mila pasti a favore dei gatti e 61 mila per i cani randagi e nel 2015 quasi 445 mila.

Il progetto Love Food non è limitato all’Italia ma è allargato anche a Germania (165.932 pasti nel 2015), Svizzera (38.663 pasti nel 2015) e Francia (16.920 pasti finora nel 2017).

“LoveFood rientra nel progetto di Almo Nature, A Pet Is For Life, un impegno concreto volto a ridurre drasticamente l’abbandono di animali: non vogliamo lavorare solo sull’emergenza ma provare a essere attori di un cambiamento che passi dall’emergenza alla soluzione. È anche per questo che recentemente abbiamo lanciato AdoptMe, per offrire un mese di pappa gratuita, tramite i canili e gattili aderenti, a chi adotta consapevolmente un animale. Desideriamo e speriamo così di far crescere una comunità che ponga al centro il rispetto per l’animale che si porta a casa. Un impegno quello verso gli amici a quattro zampe che ha portato gli azionisti di Almo Nature a scegliere di donare il 100% delle azioni della società Almo Nature spa, e delle sue filiali, a una Fondazione e tutti i profitti verranno unicamente utilizzati a favore degli animali e dell’ambiente. Con questa donazione, gli animali e la natura saranno i veri proprietari di Almo Nature” conclude l’azienda.

© Riproduzione riservata