A Genova i cinghiali sono salvi

Il TAR blocca l’ordinanza del Comune per l’abbattimento. Soddisfatte OIPA e Lega Nazionale per la Difesa del Cane

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Cinghiali salvi a Genova. Nel mese di settembre, a seguito di alcuni avvistamenti in pieno contesto urbano, il capoluogo ligure aveva emanato un’ordinanza per “la rimozione degli ungulati appartenenti alla famiglia dei cinghiali (“Sus scrofa”) e suidi in genere, a cura del personale preposto alla vigilanza faunistico-venatoria, coadiuvato, qualora possibile, dal personale della Polizia Municipale, adottando le misure ritenute più efficaci e risolutive”.

In poche parole, un provvedimento che prevedeva l’abbattimento degli animali.cinghiali Genova

Le Associazioni animaliste Lega Nazionale per la Difesa del Cane e OIPA Italia Onlus avevano subito presentato ricorso al TAR della Liguria per chiedere la sospensione dell’ordinanza che, a tutti gli effetti, andava in contrasto anche con la Legge Regionale della Liguria e il Regolamento Comunale di Genova per la tutela ed il benessere degli animali.

L’impugnazione delle due associazioni è stata accolta dal TAR che, motivando la sentenza di illegittimità del provvedimento, specifica che “nell’ordinamento della Regione Liguria sono previste apposite norme per fare fronte all’emergenza collegata alla presenza della fauna selvatica e, in particolare, dei cinghiali”

Gli avvocati LNDC Michele Pezone e Alessandro Dondero, che hanno assistito in giudizio sia LNDC sia OIPA, dichiarano: “Siamo molto soddisfatti per questa sentenza perché sono state accolte le nostre argomentazioni relative al fatto che il Comune ha utilizzato illegittimamente lo strumento dell’ordinanza contingibile e urgente, pur essendo previste dalla legge altre procedure per fronteggiare eventuali situazioni di emergenza con l’ausilio di personale qualificato”.

Fonte e foto: LNDC e OIPA

© Riproduzione riservata