Scooby Medina: salvati 1023 cani e gatti in soli sei mesi

Tra questi, 18 galgo saranno presto in Italia grazie a Pet Levrieri Onlus. E cercano famiglia

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

1023: è il numero degli animali accolti dal rifugio Scooby che si trova a Medina de Campo, vicino a Valladolid in soli sei mesi.Galgo Scooby Medina862 cani e 161 gatti raccolti abbandonati nelle strade di paesi vicini, a cui l’associazione sta prestando tutte le cure necessarie da quelle veterinarie e farmacologiche al cibo.

La maggior parte di loro verrà affidata al loro santuario, dove vivranno protetti fino alla fine dei loro giorni, qualora non venissero adottati. La grande preoccupazione dell’associazione, infatti, era che non finissero in una perrera, dove gli interventi sanitari sono inesistenti e gli animali languono in attesa della loro fine, che solitamente non tarda molto ad arrivare, a prescindere dall’età e dalle condizioni fisiche.

Naturalmente le spese sostenute dall’associazione non sono indifferenti sia per le derrate alimentari che per gli interventi medici (oltre a cani e gatti il santuario ospita anche 200 animali tra cavalli, asini, pecore, capre, maiali, galline..). Senza contare ovviamente le spese di gestione ordinaria come le bollette della luce, dell’acqua e del gas.

L’associazione, che esiste dal 1987 e negli anni ha potuto realizzare diversi centri di recupero e salvataggio per cani, gatti e altri animali, si sostiene grazie alle donazioni e collabora in Italia con Pet Levrieri Onlus che farà arrivare dalla Spagna il prossimo 16 settembre 18 galgo in cerca di famiglia.

Se siete interessati ad una adozione e a conoscere meglio i cani che presto arriveranno in Italia in cerca di famiglia potete compilare la domanda di adozione a questo link oppure contattare l’associazione Pet Levrieri Onlus scrivendo a adozioni.petlevrieri@gmail.com o telefonando ai seguenti numeri cellulare 3389541011 – 3454543054.

Fonti: Scooby – Sociedad Protectora de Animales y Medioambiente, Pet Levrieri Onlus
Foto: Pet Levrieri Onlus

© Riproduzione riservata