Specismo: il 26 agosto si celebra a Roma la Giornata Mondiale che lo condanna

Sit-in sabato dalle ore 18.00 alle 21.00 presso Largo dei Lombardi

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Si terrà a Roma la Giornata Mondiale contro lo specismo il prossimo 26 agosto. L’evento, che si svolgerà in contemporanea nei vari continenti*, è organizzato per la prima volta in Italia da Associazione Vegani Italiani Onlus e VEGANOK Network, che hanno entusiasticamente aderito all’appello lanciato da P.E.A. Pour L’Egalité Animale.evento anti specismo RomaSaranno a Roma al fianco di AssoVegan e VEGANOK anche ENPA, LEAL Lega Antivivisezionista, Animal Aid Italia, Gabbie Vuote, Be positive factory. Al termine del sit-in, che si terrà dalle ore 18.00 alle 21.00 presso Largo dei Lombardi, via del Corso angolo via della Croce, due violinisti, Gualtiero Maniscalco e Gaby Ludwig eseguiranno brani in memoria delle vittime dello specismo alla luce di decine di fiaccole accese.

L’obiettivo della giornata, infatti, è la condanna dell’ideologia specista: il messaggio globale è la rivendicazione dei diritti alla vita, alla libertà, al rispetto e alla giustizia di ogni animale umano e non umano senza distinzione di specie, razza, sesso e religione. “Accelerare l’abolizione di ogni forma di uccisione e sfruttamento degli animali diventa parte integrante di questo impegno che implica necessariamente una scelta di vita vegan”, sottolineano gli organizzatori.

Renata Balducci, presidente di AssoVegan – Associazione Vegani Italiani, spiega: “Lo specismo e l’idea del tutto arbitraria che l’uomo sia al vertice di una piramide di supremazia e che per questo sia libero di disporre della vita delle altre specie viventi. È uno dei dibattiti sociali più importanti del nostro tempo. Noi vogliamo un mondo in cui tutto questo finisca: in cui il diritto all’esistenza non sia legato alla specie di appartenenza ma sia un valore trasversale, un diritto inviolabile. Ci impegniamo affinché tutte le vite vengano prese in considerazione”.

“Condanniamo l’ideologia specista che discrimina gli esseri viventi in base alla loro specie” aggiunge Sauro Martella, fondatore del Network VEGANOK “Un’ideologia che giustifica il maltrattamento degli animali, la loro uccisione e a seguito della quale, ad esempio, si considerano normali le nefandezze e le barbarie nei mattatoi. La storia ci dimostra che ogni ingiustizia può essere ribaltata: noi immaginiamo un mondo che non giustifica più l’abuso e la prevaricazione verso il mondo degli animali”.

*eventi ad oggi confermati:

Roma (Italia, 26 agosto, evento e marcia)
Parigi (Francia, 26 agosto, marcia)
Losanna (Svizzera, 25 e 26 agosto, grande evento di 24 ore)
Sydney (Australia, 26 agosto, giant die-in protest)
Melbourne (Australia, 26 agosto, marcia)
Burleigh Beach, Queensland (Australia, 26 agosto, marcia)
Auckland (New Zealand, 26 agosto, marcia)
Toronto (Canada, 26 agosto, marcia)
Ljubljana (Slovenia, 26 agosto, marcia)
Maribor (Slovenia, 26 agosto, marcia)
USA, Germania e molti altri Paesi si stanno attivando.
A Ginevra in Svizzera si terranno conferenze e approfondimenti.

Fonte e foto: VeganOk

© Riproduzione riservata