Ho trovato un cane o un gatto? Che faccio?

Istruzioni per l’uso: cosa fare in caso di ritrovamento di un randagio

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Ho trovato un cane vagante. Il nostro primo pensiero è: lo prendo e lo porto in canile! Invece no.

Sappiate che i canili non possono accettare randagi catturati da privati. Ebbene si, siamo in Italia e la burocrazia regna sovrana anche se per salvare Fido o Micio. La prima mossa da fare è capire se è possibile avvicinarlo e prenderlo in custodia.

Se siete riusciti a prendere il cane o il gatto fuggiasco, potete innanzitutto chiedere alle case nei dintorni, potrebbe essere semplicemente scappato da qualche cancello. Qualora nessuno lo riconosca o il cane non si faccia prendere, contattate la polizia municipale che si occuperà di verbalizzare il ritrovamento e di chiamare l’accalappiacani di zona.cane trovatoPerché è importante? Perché l’uscita dei Vigili Urbani consente di certificare il ritrovamento dell’animale sul territorio e automaticamente obbliga il comune di riferimento a farsi carico del mantenimento dell’animale.
Recandovi con l’animale al rifugio o al canile più vicino molto spesso sarà impossibile per la struttura accettarlo, perché il comune di competenza non interverrà nel mantenimento.

Se avete intercettato un gatto la questione è più complessa. Al momento non sussiste l’istituzione, per legge, di una Anagrafe felina regionale e, pertanto, l’inserimento di un microchip non è obbligatorio.

La legge dice che “La cattura dei gatti delle colonie feline e di quelli che vivono in libertà è consentita solo per la sterilizzazione, per motivi sanitari o per l’allontanamento di cui all’articolo 105, comma 7, della l.r. 33/2009” (art.11 comma 7 del Regolamento regionale della Lombardia del 13 aprile 2017). Il che significa che i gatti, a differenza dei cani, hanno il diritto di restare vaganti e liberi sul territorio, e che il loro accalappiamento può essere effettuato solo ai fini della sterilizzazione, nel caso in cui siano feriti (o molto piccoli, e quindi in pericolo di vita), o nel caso in cui sia necessario (su indicazione di comune e ASL) il ricollocamento della colonia.

In tutti questi casi deve essere fatta denuncia alle autorità competenti (all’ASL per registrare una colonia o per effettuare le sterilizzazioni dei gatti selvatici adulti, e alla Polizia locale per i cuccioli o i gatti feriti), e non rivolgersi direttamente ai gattili.

E se il ritrovamento è su una strada provinciale o una via ad alto scorrimento? Chiamate il 113, senza indugio.
In tutti i casi potete comunque scattare una bella foto e mettere un appello sui social network, oltre ad affiggere qualche cartello nella zona in cui avete ritrovato il cane o il gatto.

Le immagini sono di: ©Ilaria Mariani

© Riproduzione riservata