Due greyhound salvati dal macello in Italia entro ottobre

Ora ospiti di un rifugio a Pechino, cercano una famiglia che li accolga

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Prince e King sono due greyhound che arriveranno presto in Italia grazie a Pet Levrieri Onlus, ma che non vengono dall’Irlanda né dalla Gran Bretagna né dalla Spagna. Prince e King vengono da molto lontano, dalla Cina: sono stati salvati da attivisti cinesi mentre in un furgone pieno zeppo di altri cani venivano portati al macello.Prince greyhound CinaLe loro condizioni erano molto precarie “Come molti sanno in alcune regioni della Cina (ma non solo, anche in molti altri paesi dell’Asia – n.d.r.) è diffuso il consumo di carne di cane e peraltro il trattamento riservato ai cani che finiscono in questo giro è veramente abominevole e indegno, ancor prima che vengano macellati” denuncia Pet Levrieri Onlus.

Tuttavia ci sono molte persone che si battono attivamente per salvare i cani destinati al consumo di carne e per cambiare la situazione: Prince e King arriveranno presto in Italia, grazie a personeKing greyhound Cina come queste e grazie a Kerry Ellimandi di Birmingham Greyhound Protection, che si è attivata da tempo per investigare e far conoscere quello che accade a numerosi greyhound in Cina e per cercare di offrire un’opportunità di vita decente a questi e altri cani.

“Ci aspettiamo di trovare per Prince e King due famiglie veramente speciali, che sappiano offrire loro una vita di rispetto, amore e dignità, che abbiano la pazienza per aiutarli a superare quello che hanno patito. Prince e King, ne siamo certi, come tutti i levrieri rescue, ce la metteranno tutta e saranno compagni indimenticabili” dichiara Stefania Traini, Presidente di Pet Levrieri Onlus.

Ora King e Prince si trovano presso un rifugio a Pechino che si prenderà cura di loro fino a quando saranno in condizione di partire e raggiungere l’Italia. La partenza, salvo imprevisti, è programmata per ottobre.

Chi fosse interessato ad adottarli, può scrivere ad adozioni.petlevrieri@gmail.com

Fonte e foto: Pet Levrieri Onlus

© Riproduzione riservata