6 buoni motivi per adottare un gatto adulto o anziano

Quando la saggezza vince sulla vivacità

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

D’estate, si sa, gattili e bacheche dei social vengono invasi da meravigliosi vivacissimi cuccioli in cerca di famiglia e per gatti adulti, o peggio, per quelli anziani le speranze di trovare casa si azzerano.gatto adulto anzianoNon saremo qui a negare l’indiscutibile fascino che quei musetti esercitano su tutti noi, ma molto spesso chi è in cerca di un gatto da adottare non si sofferma a pesare i pro e i contro di adottare un cucciolo invece che un adulto, o ancora, di un gatto anziano.

I confini tra infanzia, età adulta e vecchiaia variano molto da gatto a gatto: alcuni gatti di razza, per esempio, hanno un periodo di pubertà più lungo dei comuni gatti europei (entrano cioè in calore dopo l’anno di età) ma hanno un’aspettativa di vita più corta di qualche anno.

Per questo si dice che in un gatto i primi segni dell’invecchiamento sono visibili mediamente a partire dal superamento del settimo anno di età, e si parla di vera e propria vecchiaia a partire dai 12 anni.

La maggior attenzione dei proprietari per la salute dei loro mici, l’offerta di cibi specifici per i gatti adulti e una vita spesso priva di pericoli, ha innalzato fortemente la vita media dei felini domestici: oggi i gatti vivono in media 15 anni, ma molti arrivano a superare anche abbondantemente i 20.

Vediamo insieme perché scegliere un gatto adulto o anziano.

L’ATTIVITÀ FISICA
Se passate parecchie ore fuori casa per lavoro, un cucciolo non fa davvero per voi, a meno che non decidiate di prendere una coppia. I cuccioli sono vivaci, pieni di energia e hanno bisogno di tanta attività fisica e di giocare, tra di loro o in mancanza di un compagno, con voi. Un gatto adulto o anziano, invece, passerà le ore in cui voi siete assenti a sonnecchiare, senza arrampicarsi sulle tende, distruggere i vostri soprammobili e farsi le unghie sul vostro amato divano.

CARATTERE BEN DEFINITO
Sfatiamo il mito del “lo voglio piccolo perché me lo cresco ed educo io”. Non è possibile stabilire a 60 giorni di vita quello che sarà il carattere definitivo di un cucciolo. Sono moltissimi i fattori che concorrono alla sua formazione: genetica, socializzazione con altri gatti e con le persone, esperienze di vita, sviluppo sessuale. Adottare un gatto adulto o anziano, invece, vi permette di conoscere fin da subito con ‘chi avete a che fare’. E questo è un grande vantaggio in termini relazionali.

AFFETTO
Tra uno sfrenato gioco di caccia e lunghe sessioni di coccole sul divano un gattino preferirà di gran lunga il primo. Un gatto adulto o anziano, invece, non vede l’ora si sdraiarsi sulla vostra pancia e farsi coccolare. Quindi se siete amanti della calma e della tranquillità, un micio adulto è quello che fa per voi.

LUNGHE CHIACCHIERATE
Mentre il rapporto con un cucciolo è prettamente fisico, fatto di giochi, sessioni di caccia, nascondino e agguati a sorpresa, un gatto adulto, e ancora di più un gatto anziano, tenderà a interagire di più con voi cercando non solo un pacato contatto fisico, ma intavolando lunghe conversazioni fatte di miagolii e fusa: la ricerca di attenzioni cresce esponenzialmente con l’età.

USO DELLA LETTIERA
Un gatto adulto sa perfettamente come utilizzare la lettiera. Un gatto anziano potrebbe cominciare ad avere episodi occasionali di incontinenza. Ma un cucciolo, rassegnatevi, utilizzerà la lettiera come un parco giochi almeno per i primi mesi: ci si tufferà dentro, ci scaverà come un forsennato, a volte la userà per dormirci, a volte ancora per rotolarsi. Senza contare infine, che non sempre i cuccioli fanno attenzione a dove poggiano le zampette dopo aver fatto la cacca: ma chi ha tempo per pulirsi quando bisogna correre a giocare?

SALUTE
Un gatto anziano, sopratutto, è al tramonto della vita, quindi potrebbe avere bisogno di molte più cure veterinarie, con costi a volte non di poco conto. Tuttavia, anche adottare un cucciolo non è privo di incognite. I gattini. sopratutto se molto piccoli e non ancora vaccinati, hanno una mortalità molto alta e fino al sesto mese non è possibili testarli per FIV e FELV.

In conclusione adottare un gatto adulto o ancora meglio anziano, non è solo un atto di amore, ma vi potrà riservare delle meravigliose sorprese: un gatto di una certa ‘età’ vi ricompenserà con infinito affetto.

Foto: Pixabay

© Riproduzione riservata