Da Purina il toolkit Pets@work per rendere l’ufficio dog-friendly

Il 46% delle aziende pronte ad accogliere gli animali

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Secondo una ricerca condotta da Purina, in Italia, nonostante siano solo il 15% delle aziende a conoscere programmi che promuovano la presenza dei cani in ufficio, ben un’azienda su due (46%) dichiara un interesse ad attivare progetti che coinvolgano gli animali da compagnia all’interno dei luoghi di lavoro.Purina cani in ufficioTra quelle che invece hanno già aderito, si dichiara pienamente soddisfatto il 100%: l’amore per gli animali è la leva principale (67%) che spinge all’adesione a questo tipo di progetti e numerosi sono i vantaggi evidenziati dagli intervistati: possibilità di conciliare lavoro e vita privata (36%), un aumento della socializzazione tra i dipendenti (31%) e della motivazione (26%). Senza contare, aggiungiamo noi, che favorirebbe le adozioni: quante persone rinunciano a un cane per le troppe ore fuori casa? Purina cani in ufficio benefici

Sono queste le principali evidenze che emergono dalla ricerca realizzata da Millward Brown per Purina, che per il 4° anno consecutivo ha celebrato la Giornata Mondiale dei Cani in Ufficio lo scorso 23 giugno con il progetto Pets@work, che si inserisce nell’ambito delle iniziative di welfare aziendale implementate dall’azienda.

“In Purina crediamo fermamente che le persone e gli animali domestici stiano meglio insieme” spiega Marco Travaglia, Direttore Generale di Purina Sud Europa. “Il nostro progetto Pets@work vuole essere ancora una volta una testimonianza di come il welfare aziendale possa essere costruito anche attraverso questo genere di iniziative che portano benefici significativi ai dipendenti, non solo per coloro che possiedono un cane, ma anche per tutti gli altri che vengono stimolati a una miglior relazione interpersonale. E i benefici sono anche per l’azienda, che rileva una maggior produttività delle persone grazie ad un aumento della collaborazione e a una riduzione dello stress. Per questo mettiamo il nostro know-how e la nostra esperienza a disposizione delle aziende che vogliono avviare questo percorso”.

Per rendere il proprio ufficio davvero a misura pet, infatti, è necessario adottare alcuni accorgimenti: in Purina il progetto Pets@work è frutto di un percorso durato circa 3 anni, nei quali l’azienda ha attraversato tutte le verifiche preliminari necessarie a garantire il rispetto della salute, della sicurezza e delle esigenze di persone e animali.

Il risultato è stata la creazione di una policy dedicata, che stabilisce regole e procedure condivise, diffusa a ogni singolo collaboratore e disponibile per le aziende che vogliano intraprendere lo stesso percorso: sul sito https://www.purina.it/cani-in-ufficio è possibile trovare tutte le informazioni utili e un vero e proprio toolkit per dar vita a un programma personalizzato ed entrare a far parte della Pets at work Alliance.

Aziende che aspettate?

Fonte e immagini: Purina

© Riproduzione riservata