Muore la proprietaria e Speedy, nonnino di 13 anni, finisce in canile

Quasi cieco, un po’ malandato: per lui si cerca un’adozione del cuore

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Speedy Canile Lndc adozione del cuore 2Catapultato in canile, dopo 13 anni tra le braccia di una ‘mamma’ umana, che lo coccolava e che si occupava affettuosamente di lui.

Dopo una vita in casa, Speedy, un dolce barboncino di 13 anni è stato rinchiuso nel box del rifugio di Rubano (PD) gestito dalla sezione padovana di Lega Nazionale Per la Difesa del Cane. Nemmeno 5 kg, Speedy è un nonnino dal musetto imbiancato per l’età e dall’espressione spaventata, con gli occhi quasi ciechi, l’udito scarso e qualche problema di incontinenza.

“Quando la persona, che tanto lo amava è mancata, le sue due figlie, senza porsi il minimo problema di coscienza sia nei confronti di quel povero essere rimasto solo, sia verso la donna che le aveva messe al mondo e cresciute, si sono affrettate a sbarazzarsi di quell’ingombrante ‘fardello’ scaricandolo in canile” denunciano i volontari della sezione locale di LNDC. “E adesso in quel box, dove non riesce nemmeno a orientarsi e a trovare le ciotole di acqua e cibo Speedy è disperato: piange, si lamenta, se ne sta rannicchiato in un angolino. Le carezze delle volontarie, che devono però accudire un centinaio di cani, non bastano a lenire il suo dolore”

“L’unico modo per consolarlo e fargli ritrovare la serenità perduta sarebbe ridargli una casa e soprattutto che ci fosse un’anima dal grande cuore disposta a donargli, per il tempo che gli resta da vivere, quel calore umano che tanto gli manca. Speedy è un cagnolino buono, coccolone, gentile nei modi che non merita di finire i suoi giorni triste e solo richiuso in canile. Ha ancora tanto amore da offrire” conclude l’associazione.

Sarebbe auspicabile un’adozione in zona ma si valutano richieste al nord.

Per informazioni chiamare il rifugio LNDC di Rubano (PD): 049.630272 – 347.9826858.

Fonte e foto: LNDC

© Riproduzione riservata