Palermo: OIPA lancia la petizione per fermare il trasferimento dei cani

Cresce iI numero dei volontari di diverse associazioni in sit-in di fronte al canile municipale di via Tiro a Segno

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

“Dopo il bonus di 480 euro per ogni cane adottato, assegnati a chiunque senza neanche i controlli pre e post affido, adesso anche il trasferimento di cani verso destinazioni ignote: i primi 10 sono stati portati via proprio qualche ora fa” denuncia l’OIPA in una nota ufficiale comparsa sul proprio sito. “Stiamo parlando del canile municipale di Palermo, dove proprio in queste ore è in corso un presidio dei volontari delle associazioni locali tra cui l’OIPA, per impedire che i primi 25 cani vengano trasferiti dalla struttura di via Tiro a Segno verso destinazioni non ancora pervenute. E domenica 26 marzo, a seguito delle denunce delle associazioni animaliste, al canile sono arrivati i Carabinieri del Nas e il Corpo Forestale dello Stato e anche la Digos sta indagando sul caso”.

appello-sitoSecondo l’Amministrazione Comunale bisogna svuotare il canile per consentire i lavori di ammodernamento della struttura, che attualmente non è a norma. “In ballo c’è un appalto da 2 milioni di euro per la ristrutturazione di un canile e, viste le elezioni in arrivo, bisogna fare tutto alla svelta. Nonostante la disponibilità dei rappresentanti delle associazioni cittadine disposte a sedersi attorno a un tavolo con i rappresentanti del Comune di Palermo per scongiurare il trasferimento dei cani, gli animali saranno trasferiti lo stesso, senza sapere a chi verranno consegnati e con quale destinazione” continua l’OIPA.

Oltre a presidiare il canile proprio in queste ore, la sezione dell’OIPA di Palermo ha depositato una richiesta protocollata in Comune per venire a conoscenza della destinazione dei cani, dell’omologazione del mezzo, per chiedere che il trasporto sia eseguito secondo le norme previste dalla legge, così come per sapere il nominativo dell’associazione che prenderebbe in carico i 25 cani, senza, tuttavia, avere nessuna risposta.

In attesa che le Autorità facciano luce sulla vicenda, l’associazione invita tutti a partecipare all’appello di protesta per chiedere al Sindaco di Palermo quei chiarimenti che ancora non sono stati forniti ai volontari dell’OIPA, a tutti quelli che operano in canile e ai cittadini di Palermo che in queste ore stanno protestando.

“Dove andranno i cani? Chi li porterà via? Come viaggeranno? Chi farà i controlli previsti dalla legge?”

box PETIZIONI

Fonte e immagini: OIPA

© Riproduzione riservata