#FALLISMETTERE: cresce la petizione contro la proroga di cinque anni

Ancora poche ore per convincere il Parlamento a votare contro i test condotti su animali per fumo, alcol e droghe

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

“Ci appelliamo ai Senatori perché il 15 febbraio votino contro la proroga di altri 5 anni ai test animali su alcol, fumo e droga“: questa l’accorata richiesta veicolata attraverso una nuova petizione su change.org, lanciata dalla cantante Donatella Rettore, e via social con l’hashtag #FALLISMETTERE.
SPERIMENTAZIONE_FUMO_LAV

Anche se gli animali non fumano, non bevono e non si drogano, infatti, ogni giorno migliaia di loro continuano a subire test per verificarne gli effetti dannosi già noti da tempo. Per questo la LAV ha rinnovato l’appello al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha già concesso un anno di proroga (rispetto al divieto previsto per Legge dal 1° gennaio 2017) e poi ha dato parere favorevole a un emendamento che, se confermato con il voto, permetterà la prosecuzione di questi esperimenti per altri 5 anni.

Gli animali sottoposti ai test su sostanze d’abuso fumano l’equivalente di 266 sigarette al giorno, subiscono iniezioni o inalano i vapori dell’alcol immobili per ore, giorni. Questo, nonostante i risultati ottenuti possano risultare fuorvianti, soprattutto in un campo così complesso come la dipendenza che ha chiari risvolti sociologici e psicologici non riproducibili in un topo chiuso in una gabbia di un laboratorio!” protesta la LAV.

“Allora perché concedere una proroga a questi test?” chiede la biologa Michela Kuan, responsabile LAV Ricerca senza Animali, “quali interessi si vorrebbero così difendere? Sarebbe più efficace e produttivo investire in ricerca che non fa uso di animali: è questa la vera avanguardia scientifica e l’unico futuro possibile se si vuole dare speranza ai giovani purtroppo vittime delle droghe!”.

box PETIZIONI

Fonte e foto: LAV

© Riproduzione riservata