Indagine shock sul Prosciutto di Parma

Denunciate da Essere Animali le violazioni scoperte in un grande allevamento intensivo di maiali

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Il team investigativo di Essere Animali per sei mesi ha monitorato costantemente le condizioni dei maiali in un grande allevamento intensivo fornitore del Prosciutto di Parma. Il video pubblicato oggi sul sito dell’associazione lancia un’accusa fortissima al sistema dei controlli di un marchio considerato un’eccellenza del made in Italy, che da disciplinare dovrebbe garantire il benessere degli animali con severi controlli su alimentazione, strutture degli allevamenti e trattamento dei suini.

prosciutto-crudele4_essereanimali

“La produzione del prosciutto di Parma è regolamentata da un disciplinare produttivo, depositato presso l’Unione Europea e gestito da un Consorzio che riunisce allevamenti, macelli e stabilimenti di lavorazione della carne. L’Istituto Nord Est di Qualità è l’organismo incaricato a provvedere ai controlli negli allevamenti” denuncia Essere Animali. “Ma nonostante le certificazioni DOP, fino a quando la produzione di prosciutto sarà così elevata, gli animali dovranno essere rinchiusi in sistemi intensivi”. Il dato del 2015, infatti, parla di una produzione di 8.400.000 prosciutti, di cui il 32% esportato all’estero, per un totale di poco più di 4 milioni di maiali nati e cresciuti nei 4 mila allevamenti associati al Consorzio.

I video mostra maiali agonizzanti, lasciati morire di stenti, atti di cannibalismo e un comportamento brutale degli operatori. Nelle immagini gli animali sono privati della possibilità di soddisfare gran parte delle loro esigenze etologiche.

Certo si potrebbe argomentare che quello scoperto dall’associazione Essere Animali sia un caso isolato, dato che gli allevamenti autorizzati dislocati in 10 regioni italiane sono migliaia, ma resta l’evidenza che il sistema dei controlli, come sempre fa acqua. Da tutte le parti.

Qui il video

Al momento della pubblicazione non abbiamo notizia di una presa di posizione ufficiale né del Consorzio del Prosciutto di Parma né dell’Istituto Nord Est di Qualità in proposito.

Fonte e foto: Essere Animali

© Riproduzione riservata