Giustizia per Angelo: manifestazione bloccata a Sangineto Marina

Il 22 dicembre si replica a Roma, davanti a Montecitorio

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

In centinaia sabato 26 novembre hanno sfilato in ricordo del cane Angelo, ucciso da quattro ragazzi di un piccolo paesino della Calabria. Diversi pullman provenienti da tutta Italia sono infatti giunti a Sangineto (CS) per sensibilizzare le Istituzioni sulla necessità di inasprire le pene contro chi maltratta e uccide gli animali.

angeloPurtroppo secondo quanto riportato da QuiCosenza.it la manifestazione è stata bloccata a Sangineto Martina e per i manifestanti non è stato possibile raggiungere il centro del paese protetto da agenti in tenuta anti-sommossa.

Il PAE (Partito Animalista Europeo) e N.O.I.T.A. Onlus (Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali) ci riproveranno il 22 dicembre a Roma, con un presidio davanti a Montecitorio dalle 14.30 alle 18.30 (qui l’evento Facebook) 

“A Sangineto abbiamo testato la forza di un nuovo movimento spontaneo, non organizzato, di liberi cittadini appartenenti alla società civile, gente per bene ed onesta che non intende più tollerare i soprusi ed esasperata da questa società ingiusta che evidentemente non ci rappresenta” commentano gli organizzatori “Ma a Sangineto abbiamo fatto prevalere il buon senso, l’azione di forza è stata solo dimostrativa, limitata nei modi e nei tempi, chi di dovere ne è consapevole. Il 22 dicembre saremo molti di più ad urlare giustizia per Angelo, non potranno non ascoltarci”

“Lo scopo della manifestazione è quello di ottenere un immediato inasprimento delle pene nei confronti di chi maltratta ed uccide animali, per questo abbiamo trasmesso una formale istanza alle prime tre cariche dello Stato ed ai relativi gruppi parlamentari, fintanto non verrà modificata la Legge nessun Angelo avrà giustizia ed altri Angelo continueranno ad essere barbaramente trucidati per gioco o per noia consapevoli che mai varcheranno la soglia del carcere” conclude il PAE.

Qui il video della manifestazione girato da CalNews

Fonti: PAE, QuiCosenza.it, CalNews

© Riproduzione riservata