Minzioni inappropriate? Come pulire?

Alcuni consigli utili per togliere i cattivi odori lasciati dai nostri pet

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Abbiamo già visto in alcuni precedenti articoli i motivi per i quali alle volte il nostro cane o il nostro gatto fanno pipì in casa o fuori dalla lettiera. Una volta stabilita la motivazione di questo comportamento a noi poco gradito, è però fondamentale intervenire sulle zone interessate dalle loro minzioni inopportune, così da eliminare efficacemente ogni traccia e odore. Non sempre infatti quello che a noi pare “pulito” lo è realmente: i nostri pet hanno una capacità olfattiva ampiamente superiore alla nostra e possono percepire i residui di urina a noi invisibili.

pipi-luoghi-pubbliciMAI USARE CANDEGGINA, AMMONIACA O SISTEMI DI PULIZIA A VAPORE
Contrariamente a quanto si potrebbe pensare ricorrere a un disinfettante come la candeggina o l’ammoniaca peggiora solo la situazione: questi prodotti tendono a intensificare l’odore della pipì e, quindi, invece di dissuadere il nostro pet a compiere questo gesto inopportuno, lo spingeremmo a ripeterlo, invitandolo a identificare quell’angolo come quello “dall’odore giusto”.
Anche con i sistemi di pulizia a vapore (tipo il vaporetto), se utilizzati su tappeti e tessuti, si ottiene lo stesso effetto: la forza del vapore spinge l’urina in profondità nelle fibre e la trasferisce nelle zone più profonde da cui poi è difficile eliminarla al 100%.

Come intervenire dunque? Facendo ricorso a detergenti naturali, non aggressivi e soprattutto non tossici per i nostri animali, dopo aver accuratamente asciugato la zona “colpita” con carta assorbente da cucina. Vediamo quali.

ACQUA CALDA E SAPONE NEUTRO
Se dobbiamo intervenire su una superficie lavabile, come il pavimento o un sanitario, potrebbero bastare acqua calda e sapone neutro. Applicate il detergente sulla zona sporcata con uno spruzzino, sciacquate con acqua calda e asciugate sempre con carta assorbente. E’ utile anche dare una spruzzata di alcool denaturato per disinfettare, ma solo dopo aver già pulito.

ACQUA CALDA, LIMONE E BICARBONATO
Anche il succo di limone ha ottime proprietà antibatteriche e permette di eliminare un gran numero di germi da molte superfici. Per una maggior efficacia è possibile preparare un mix con cui pulire la superficie macchiata formato da due tazze di acqua calda, mezza tazza di bicarbonato e mezza tazza di succo di limone.

ACETO O BICARBONATO
Se la macchia è su un tappeto, per esempio, sarà molto più difficoltoso farlo con una generosa dose di detergenti liquidi, quindi dopo aver tamponato bene con la carta assorbente, potrebbe essere utile intervenire spruzzando con aceto la zona interessata e asciugare con la carta o con un panno. Possiamo anche completare la pulizia con bicarbonato: stendiamo un velo di polvere sulla macchia, lasciamola agire per 15 minuti e passiamo il tappeto con l’aspirapolvere.
Oltre a ottenere la rimozione di tutti gli odori non rischieremo di scolorire il tessuto con detergenti troppo aggressivi.

Se ancora non fossimo riusciti a risolvere il problema, un nuovo prodotto commercializzato da Camon promette di fare miracoli contro la pipì dei nostri pet: SweetPee® contiene una miscela di enzimi addizionati a un mix vegetale specifico, che non inquina, non unge e non lascia macchie o aloni. La sua azione permetterebbe di catturare le molecole volatili che sono causa di cattivi odori e di neutralizzarle lasciando l’aria pulita e inodore. Il prodotto agirebbe sulla degradazione di ammoniaca e urea e avrebbe un’azione fluidificante sulla gran parte dei reflui. Infine essendo venduto in formato spray e possibile portarlo con sé quando si esce in passeggiata e utilizzarlo anche nei luoghi pubblici.

Fonti: varie
Foto: Pixabay

© Riproduzione riservata