Spoltore (PE): ucciso cane di “quartiere”. Si sospetta possibile strangolamento

Lega del Cane supporta la denuncia dei cittadini e invita chi ha informazioni per risalire al colpevole a fornirle

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

spoltore_LNDC“Junior era un cagnolino molto amato, accudito da tutto il quartiere in cui viveva. I residenti facevano i turni per dargli cibo, acqua e tutto ciò di cui aveva bisogno e lui ricambiava con affetto, giocando con i bambini e convivendo pacificamente con i gatti della zona. Junior era giovane e socievole e la sua vita è stata spezzata senza motivo e con crudeltà. Le persone che si sono occupate di lui per anni lo hanno trovato morto in una busta di plastica, apparentemente strangolato o ucciso per impiccagione”. Questa la denuncia raccolta dalla sezione locale LNDC che ha subito contattato Luciano Troiano – uno dei residenti del piccolo borgo che separa Spoltore da Pescara e che ha comunicato la notizia su Facebook – per offrire il proprio sostegno e la propria collaborazione.

“Il signor Troiano ha riferito di aver prontamente chiamato i Carabinieri che sono intervenuti e hanno avviato le indagini, raccogliendo alcune prove” racconta l’Associazione. “Al tempo stesso è stata disposta l’autopsia sul povero Junior che potrebbe confermare la morte per strangolamento. Nel caso in cui i sospetti venissero confermati, l’autore di questo orribile e crudele gesto potrebbe essere processato e condannato. Ricordiamo infatti che l’art. 544-bis del Codice Penale prevede che chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni.”

Lega Nazionale per la Difesa del Cane si unirà alla denuncia già sporta dai cittadini di Spoltore nella speranza di dare più forza all’azione legale e chiedere giustizia per un cagnolino che, a detta di quelli che lo conoscevano, era dolce e amichevole con tutti. LNDC chiede la collaborazione di chiunque abbia altre informazioni utili per risalire al colpevole.

Fonte e foto: LNDC

© Riproduzione riservata