Antiparassitari: meglio un prodotto chimico o naturale?

Non è possibile dare una risposta univoca, ma l’Olio di Neem è una valida alternativa ai farmaci tradizionali

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

La protezione antiparassitaria è un tema prioritario per chi ha un cane o un gatto, soprattutto in estate, quando l’aumento delle temperature e del tasso di umidità contribuiscono a garantire una sopravvivenza molto più lunga a zanzare, zecche, pulci e pidocchi. Anche nelle altre stagioni, tuttavia, gli animali da compagnia sono minacciati da insetti e parassiti, a causa del surriscaldamento globale e del cambio di stile di vita, perché condividendo sempre di più la nostra quotidianità, vivono in ambienti domestici riscaldati, che garantiscono un habitat ideale per i parassiti anche nelle stagioni più fredde. Senza contare, poi, che con l’aumento degli spostamenti e dei viaggi con animali al seguito, malattie come la leishmaniosi e la filariosi si sono diffuse ormai oltre le zone tipicamente endemiche.

neem screen

Diventa così sempre più necessario effettuare trattamenti antiparassitari periodici durante tutto l’anno, e molti di noi si trovano davanti al dilemma: prodotto di sintesi o naturale? Non è possibile di fatto dare una risposta univoca perché sono diversi gli aspetti da prendere in considerazione: lo stile di vita del nostro animale (per esempio, se abbiamo un gatto che vive esclusivamente in casa, il suo rischio di contrarre parassiti sarà molto diverso – ovviamente più basso – da quello di un cane che vive in campagna, magari in un’azienda agricola che alleva ovini); il periodo dell’anno (estate o inverno) e la conseguente concentrazione di parassiti nell’ambiente; la presenza di un’infestazione già in corso o il trattamento a scopo preventivo. I prodotti chimici hanno alcuni vantaggi in termini di tempistica di risposta e di efficacia soprattutto nel caso di infestazione già in atto nell’animale, tuttavia, in quanto farmaci, hanno anche delle controindicazioni, perché nessun farmaco è privo di effetti collaterali e, se usato in modo improprio, può causare danni anche seri.

L’OLIO DI NEEM
Da qualche tempo si sente parlare sempre più spesso di antiparassitari a base di olio di Neem. Tale olio viene estratto dall’albero del Neem (nome botanico Azadirachta Indica), originario dell’India. Grazie ai principi attivi contenuti nei semi, di cui il più importante è l’Azadirachtina A, i derivati del Neem colpiscono un’ampia gamma di insetti e parassiti, comprese le zanzare.

L’olio di Neem si può ottenere mediante due diversi metodi di estrazione: quello tradizionale, che consiste nell’estrazione meccanica tramite pressatura a freddo dei semi, e quello che avviene attraverso estrazione per mezzo di solventi, che porta a quello che viene definito estratto di margosa. Solamente, però, l’uso dell’olio di Neem puro estratto per via meccanica garantisce la conservazione di tutte le proprietà di questo olio e dei suoi numerosi fitocomplessi, conferendo così ai prodotti una risposta più efficiente nella difesa dai parassiti.

L’attività insetticida e la mancanza di tossicità dell’olio di Neem sono stati certificati dall’agenzia statunitense EPA (ente per la protezione ambientale): alcuni studi, infatti, hanno mostrato effetti multipli e correlati come deterrenza al nutrimento, soppressione della fecondità, attività ovicida e larvicida, regolazione della crescita e repellenza contro circa 600 diversi insetti dannosi, anche a dosaggi molto bassi. Tale attività è stata provata e confermata dal Dipartimento di Biologia ambientale dell’Università Sapienza di Roma alla quale si è rivolta Camon per misurare l’efficacia dell’olio utilizzato nella propria Protection line. Abbiamo interpellato l’azienda veronese, tra le più importanti nel settore dell’accessoristica, cura e benessere degli animali domestici, per avere qualche informazione in più.

A livello di efficacia l’olio di Neem è davvero paragonabile ai trattamenti tradizionali o è opportuno prevedere più applicazioni durante il mese, soprattutto nel caso dei cani e dei gatti che hanno accesso all’esterno?
“Nei periodi di maggiore esposizione dell’animale alla vita all’aria aperta (e, più in particolare, nelle zone a più alta presenza di parassiti e insetti) è assolutamente consigliabile intensificare l’applicazione dei prodotti a base naturale prestando attenzione sempre alle modalità di applicazione che sono citate nelle confezioni (il prodotto deve essere distribuito bene sulla cute). Ma i test ci hanno dimostrato l’assoluta efficacia contro un’ampia gamma di parassiti. Tuttavia, come sempre, è difficile generalizzare: ci sono molte particolarità e variabili da valutare ma in linea di massima costanza e sinergia sono le parole chiave”.

Sinergia?
“Sì, noi raccomandiamo l’uso in contemporanea dei vari prodotti sia per uso topico che per quello ambientale: Protection line è una linea totalmente naturale proprio per consentire l’utilizzo in modo sinergico dei nostri prodotti – per esempio associando la lozione protettiva al collarino, o lo Shampoo difesa naturale al diffusore ambientale (che protegge anche noi umani dalle zanzare n.d.r.). Tuttavia noi non ci riteniamo integralisti: sappiamo bene che i prodotti chimici hanno alcuni vantaggi in termini di tempistica di risposta e di efficacia soprattutto sulle zecche nel caso di infestazione già in atto nell’animale. Però, in altre circostanze come in presenza di cuccioli, di cagne e gatte gestanti e in lattazione, cani e gatti anziani, convalescenti e soprattutto cani e gatti a contatto con i bambini, l’uso di prodotti di sintesi presenta molte controindicazioni. Protection line di Camon è nata proprio dall’esigenza di formulare un prodotto adatto a tutte le circostanze con particolare attenzione a quelle appena citate”

Qualche controindicazione pare ci sia, a dire il vero: l’Olio di Neem non ha un odore proprio gradevole…
“Nei nostri prodotti siamo riusciti a ridurre in modo importante l’untuosità e la caratteristica odorosa del Neem, caratteristica che peraltro non è del tutto eliminabile in quanto conferisce al Neem la sua specificità e la sua azione repellente e sgradevole a insetti e parassiti”.

Esistono pericoli di sovradosaggio?
“Di fatto no, per i motivi precedentemente indicati. E questo è senza dubbio uno dei punti più significativi che possono far preferire l’uso di prodotti naturali”.

I prodotti a base di Olio di Neem dunque possono davvero costituire una valida alternativa agli antiparassitari tradizionali a patto di tener ben presente che essendo prodotti del tutto naturali vanno applicati con una frequenza maggiore dei prodotti tradizionali e vanno utilizzati più dispositivi in relazione al rischio di infestazione a cui è esposto il nostro quattro zampe e alla stagione in cui ci troviamo.

© Riproduzione riservata