Bocconi avvelenati: si rischia un pericoloso vuoto legislativo

Lega Nazionale per la Difesa del Cane denuncia: l’Ordinanza del 10 febbraio 2012, non è stata prorogata

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Nonostante il ritrovamento di bocconi e esche avvelenate sia un problema in costante crescita nel nostro Paese l’unica norma al riguardo, l’Ordinanza del 10 febbraio 2012, non è stata prorogata dal Ministero della Salute, lasciando un pericoloso vuoto legislativo, secondo quanto denunciato in questi giorni dalla Lega Nazionale per la Difesa del Cane.

POLPETTEL’avvelenamento di animali, in Italia, è regolamentato da un’Ordinanza del Ministero della Salute – «Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati» – emessa per la prima volta nel 2009, in seguito modificata e da allora prorogata di anno in anno. Tale Ordinanza prevede precisi obblighi e compiti per le diverse figure coinvolte in questi casi: il veterinario che sospetta la morte per ingestione di sostanze letali ha l’obbligo di segnalare il caso al Sindaco e al Servizio Veterinario della ASL e deve inviare la carcassa all’IZS (Istituto Zooprofilattico Sperimentale) competente; quest’ultimo esegue la necroscopia ed effettua gli esami tossicologici; in caso di conferma di avvelenamento, l’IZS lo comunica al Sindaco, alla Procura e alla ASL; il Sindaco deve immediatamente provvedere alla bonifica dell’area in cui sono stati rinvenuti i bocconi avvelenati, apporre cartelli indicanti il pericolo, intensificare i controlli e aprire un’indagine. Tutte queste misure sono fondamentali per tutelare la salute non solamente degli animali – cani, gatti e animali selvatici – ma anche delle persone, in particolare i bambini, che potrebbero essere esposte al veleno.

“Da anni le principali associazioni animaliste chiedono che lo Stato si doti di una vera e propria legge per arginare e contrastare questo fenomeno criminale che miete centinaia e centinaia di vittime ogni anno, ma questo appello è finora rimasto inascoltato” sottolinea l’Associazione. “La cosa ancor più grave è che l’Ordinanza prorogata l’anno scorso è scaduta e il Ministero della Salute non ne ha ancora comunicato il rinnovo, lasciando un pericoloso vuoto legislativo su un fenomeno tanto attuale quanto a dir poco dannoso”.

LNDC chiede quindi al Ministero della Salute di intervenire immediatamente per prorogare per un altro anno quanto meno l’Ordinanza per tutelare gli animali, i cittadini e l’ambiente, in attesa di una vera e propria legge.

Fonte: LNDC
Foto: Pixabay

© Riproduzione riservata