iAnimal: un viaggio dentro il macello

La realtà virtuale accompagna lo spettatore all’interno di allevamenti intensivi e mattatoi

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

iAnimal è un’esperienza immersiva, un progetto di realtà virtuale che accompagna lo spettatore in un viaggio all’interno degli allevamenti intensivi e dei macelli. Si tratta di un progetto rivoluzionario nell’ambito della protezione degli animali lanciato dall’associazione Animal Equality allo scorso Sundance Film Festival.

_EQ_iAnimal

“Tra il momento in cui un animale nasce e quello in cui finisce nel nostro piatto c’è una storia tragica che l’industria non vuole raccontarci. iAnimal fa in modo che lo spettatore conosca in prima persona quanto ci viene tenuto nascosto” afferma Animal Equality. L’innovativo cortometraggio sfrutta le tecnologie della realtà virtuale per mostrare la vita degli animali dagli allevamenti ai macelli. Prodotto in collaborazione con Condition One, una società specializzata in tecnologia, permette allo spettatore di vivere la stessa esperienza provata da un animale da allevamento.

Durante il filmato, che dura 12 minuti, l’utente viene completamente immerso nella realtà del macello e “tocca quasi con mano” la realtà di fronte a lui: “da tempo mi sono documentata, ho letto e pensato molto alle sofferenze degli allevamenti intensivi. Sapevo quanto erano le tristi condizioni degli allevamenti negli Stati Uniti, Inghilterra, Europa, Cina e America Latina. Ma qualcosa di super potente passa dalla realtà virtuale: la vicinanza amplificata alla realtà porta a uno sconvolgimento emozionale che fa comprendere la portata della crudeltà perpetrata sull’individuo, sull’animale senziente” scrive Barbara J. King su Npr.org che ha potuto testare iAnimal al festival “la questione è che dobbiamo vedere e fermare quello che facciamo agli altri animali – e non solo negli ultimi momenti della loro vita”.

In attesa che iAnimal arrivi anche in Italia, Animal Equality ha diffuso questo trailer:

Fonte, immagini e video: Animal Equality

© Riproduzione riservata