Frenesia da Natale: come tutelare i nostri cani dallo stress delle feste?

6 suggerimenti per salvaguardare il loro benessere

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Natale è sicuramente uno dei periodi più belli dell’anno, ma non si può certo negare che questi giorni siano stressanti non solo per noi ma anche per i nostri amici a quattro zampe. Quali sono le principali fonti di stress per loro?

cane natale1. IL CONTINUO VIA E VAI DI PERSONE
Non tutti i cani amano stare a contatto con gli estranei troppo a lungo, soprattutto se questo avviene dentro casa e con molte persone (i tavoli dei pranzi e delle cene natalizie solitamente accolgono minimo 10 persone). Per aiutarlo a gestire la situazione portiamolo a fare una lunga passeggiata e a divertirsi un po’ prima dell’arrivo degli ospiti in modo da tornare a casa appagato e stanco e quindi più propenso al riposo. Possiamo sistemare il cane in una stanza della casa in cui non risenta troppo del movimento degli ospiti (camera da letto, studio ecc…) in compagnia di un gioco, di un osso da rosicchiare o di un kong su cui impegnarsi. Non dimentichiamoci però di farlo uscire nuovamente se la durata del pranzo, o della cena dovesse protrarsi troppo a lungo.

2. I BAMBINI
Tra i rischi del Natale per i cani ci sono le riunioni familiari con un numero più o meno alto di bambini. Tra i peggiori nemici dei cani ci sono i bimbi non abituati a stare con loro e non educati a trattarli con il dovuto rispetto. Alcuni cani sono molto tolleranti dell’esuberanza dei piccoli umani e reagiscono solo quando sono arrivati al limite, altri invece hanno un livello di sopportazione molto basso. La presenza di bambini dove c’è un cane, quindi, deve essere gestita con la massima attenzione. Mai lasciare cane e bambini insieme senza supervisione, anche il cane più tollerante e paziente del mondo ad un certo punto potrebbe non poterne più e agire di conseguenza. Potete attuare anche in questo caso il consiglio visto al punto precedente.

3. IL CIBO
Natale è per tutti un pozzo di tentazioni e di rischi perché tendenzialmente gira molto più cibo del solito, per più a lungo e più volte nel corso della giornata, ci sono più persone da cui poter mendicare e, infine, i cibi natalizi sono i meno dog-friendly: ad esempio la cioccolata, le uvette, le noci, gli alcolici, le ossa di pollo o di tacchino e le caramelle sono vietatissimi. Anche se è Natale, quindi, il nostro cane non deve sgarrare se non del minimo indispensabile per viziarlo un po’ e comunque solo ed esclusivamente con gli alimenti non dannosi per la sua salute.

4. I BOTTI
Oramai tutti sanno quanto sono pericolosi i botti per i nostri amici animali. Nella notte di Capodanno la soluzione più immediata è sistemare il cane in una stanza lontana dai rumori, con la radio o la televisione a buon volume, con un gioco, un osso o un kong per impegnarlo. Portiamo fuori il nostro amico molto presto al pomeriggio per evitargli di essere all’esterno nei momenti di maggior rumore. Cerchiamo di non assecondare troppo la sua paura, lasciamo che vada a nascondersi dove meglio crede e stiamogli accanto come nella normalità, senza esagerare.

5. PIANTE E DECORAZIONI NATALIZIE
Facciamo attenzione alle Stelle di Natale, all’agrifoglio, al vischio, che sono tossici e, se ingeriti, possono provocare gravi danni all’animale. Attenzione anche alle decorazioni in giro per casa, soprattutto se di vetro! L’albero di Natale si sa, è un diavolo tentatore!

6. RICORDIAMOCI DI LORO!
Anche se è Natale e c’è un sacco da fare, il cane ha le stesse esigenze, fisiche ed emotive di prima e non vanno trascurate. Bisogna ricordarsi sempre che il cane non ha modo di agire autonomamente, non può fare da solo quello che lo fa stare bene e non può tutelarsi. Il suo benessere dipende in tutto e per tutto da noi, che abbiamo il dovere di assicurarglielo, sempre. Attenzione quindi anche al cambio degli orari: i cani sono abitudinari, cerchiamo di stravolgere il meno possibile l’andamento delle loro giornate per evitare uno stress inutile.

Fonte: Federica Villa
Educatrice Cinofila presso Asilo per cani Dog is Good
Foto: Pixabay

dog is good banner (1)-1

© Riproduzione riservata