Francavilla al Mare (CH): gatto ucciso e martoriato dai petardi

LNDC sporge denuncia e invita chiunque sappia qualcosa a contattare la sezione locale per risalire al colpevole

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Stando a quanto riportato dal giornale online PescaraPost, il giorno di Santo Stefano, una signora passeggiando con il suo cane ha trovato un gatto morto sul lungomare della cittadina abruzzese. “La vicenda” denuncia Lega Nazionale per la Difesa del Cane “è resa ancora più drammatica e macabra dal fatto che la bocca del povero gatto era martoriata dallo scoppio di petardi. Non è ancora chiaro se il gatto sia morto a causa di questo o se fosse già morto, ma è evidente che qualche squilibrato ha pensato di divertirsi in questo modo nonostante l’ordinanza emessa qualche giorno prima dal Sindaco per vietare l’uso di botti e petardi”.

francavilla-al-mare-GATTO

Sul caso sta indagando al momento la Polizia Municipale, nel tentativo di risalire all’autore di questa efferata e gratuita violenza contro un innocente gatto di strada.

Lega Nazionale per la Difesa del Cane sporgerà denuncia contro ignoti e chiede la collaborazione di tutti per trovare chi si è macchiato di questo gesto orribile. “È ormai nota la correlazione tra violenza sugli animali e violenza sulle persone” prosegue l’associazione “quindi è molto importante che chiunque – anche chi non ama particolarmente gli animali – abbia visto o sentito qualcosa parli con le autorità, perché chi è capace di una cosa simile rappresenta un pericolo per tutti e va assicurato alla giustizia”.

Fonte e foto: LNDC, PescaraPost

© Riproduzione riservata