A Enna accordo tra OIPA, Comune e ASP sull’assistenza veterinaria

Dal 30 novembre partite le prime sterilizzazioni dei randagi

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Chicco, trovato legato ad un cancello, e Jolie, recuperata mentre vegliava il suo fratellino investito da un’auto, sono stati i primi due cani salvati dai volontari OIPA a essere stati sterilizzati il 30 novembre presso l’ambulatorio veterinario comunale di Enna.

sterilizzazioni (1)I volontari e le guardie eco zoofile dell’OIPA di Enna sono finalmente riusciti a ottenere quanto previsto dalla legge per far fronte all’emergenza randagismo: un programma di sterilizzazione dei randagi garantito da un protocollo d’intesa con l’Amministrazione Comunale e l’ASP Veterinaria.
Tutti i cani randagi recuperati sul territorio saranno quindi sterilizzati gratuitamente, sottoposti agli accertamenti sanitari necessari al pre e post operatorio e identificati mediante il microchip. In base all’accordo siglato, i volontari OIPA si occuperanno del degenza successiva all’intervento, delle adozioni e della reintroduzione dei cani sul territorio.

Fino ad oggi la sezione OIPA di Enna è riuscita a far adottare più 200 randagi salvati dalla strada, ma il problema più grande riguardava il proliferare delle cucciolate ritrovate in campagna, in città, agli angoli delle strade o nei cassonetti della spazzatura. “Grazie a questo accordo, ottenuto mediante un confronto diretto, a volte anche duro, con le istituzioni, sarà posto finalmente un freno al randagismo” dichiara soddisfatta l’associazione “Un risultato importante per il cui raggiungimento ringraziamo tutti i soci e i cittadini che ci hanno sostenuti in questa battaglia che desideriamo dedicare a Sirio, Brigida, Lello, Arturo, Briciola, Zampa, Tris, Leopoldo, Rais, Nero e tutti gli altri animali innocenti che hanno pagato con la vita la crudeltà dell’uomo”.

Fonte e foto: OIPA

© Riproduzione riservata