La Ue taglia i fondi alla corrida

Milioni di euro che ora verranno destinati ad altri scopi

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Con 438 voti a favore e 199 contrari, ieri pomeriggio il Parlamento Europeo ha approvato un emendamento che cancella dal bilancio dell’Unione Europea i sussidi per gli allevatori di tori da combattimento. Ben 129 i milioni di euro destinati ogni alla corrida in Spagna, Francia e Portogallo, secondo quanto riportato da Essere Animali, ma indiscrezioni uscite sul Telegraph parlano addirittura di 152. Dal 2016 questi fondi verranno destinati ad altri scopi.

corrida_600x400“Un segnale che si aspettava da tempo: già l’anno scorso si era tentato di far passare un simile emendamento, che però non era stato approvato a causa della mancanza del quorum, anche se la maggioranza dei presenti aveva votato a favore, a salvare gli allevatori furono 58 europarlamentari astenuti” riferisce Essere Animali.

I fondi venivano stanziati all’interno dei finanziamenti al settore agricolo, e la loro abolizione, sottolinea Anima Naturalis arriva dopo due anni di intense battaglie da parte del Partito dei Verdi europeo e di tante associazioni animaliste internazionali. “La corrida ha i giorni contati in Europa” dice Francesco Francisco Vásquez Neira, presidente de Anima Naturalis Internacional.” basta essere un po’ informati e ascoltare la maggioranza della popolazione, per rendersi conto che non restano che una decina di corride in Spagna. Ci siamo evoluti e quando cambia la mentalità non è più possibile tornare indietro”.

Nel testo ufficiale approvato si può leggere “… non devono essere utilizzati fondi PAC (Politica Agricola Comune) ne qualsiasi altro credito del budget comunitario per finanziare attività di allevamento di tori (destinati alla corrida) che implichino la morte del toro” riporta ancora Anima Naturalis Internacional che commenta “Stiamo ancora aspettando di sapere come garantiranno che questo proposito diventi realtà. Ciò nonostante confidiamo nelle buona volontà delle autorità responsabili”

Fonti: Essere AnimaliAnima Naturalis Internacional
Foto: Essere Animali

 

© Riproduzione riservata