Bile di orso sintetizzata in laboratorio: è la fine delle fattorie della bile?

Il progetto salva gli orsi ma non è al 100% cruelty-free

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Le speranze di vedere presto la fine delle fattorie della bile in Cina sono aumentate quando la casa farmaceutica Kaibao ha annunciato di aver sintetizzato con successo un’alternativa alla bile di orso per l’utilizzo nella medicina tradizionale. “Il progetto della casa farmaceutica Kaibao, annunciato per la prima volta l’anno scorso, è finanziato con fondi statali per un totale che supera 1,8 milioni di dollari americani” annuncia Animals Asia, che vede nell’appoggio da parte del Governo Cinese a questo progetto un chiaro intento ad alti livelli di prendere le distanze dall’industria della bile. Animals Asia sostiene che questo rappresenta un passo molto importante che potrebbe salvare migliaia di orsi della luna dalle fattorie della bile e che l’annuncio è in sintonia con le dichiarazioni del Presidente Cinese Xi Jinping per dare vita a una Cina più verde e a una cultura ecosostenibile.

orsi della bile“Questo progetto ha tutte le potenzialità per ridurre drasticamente l’industria della bile in Cina, grazie a un prodotto alternativo che sia i medici tradizionali che i pazienti saranno felici di utilizzare” ha dichiarato la fondatrice di Animals Asia, Jill Robinson. “Il fatto che sia finanziato e autorizzato dal governo è molto importante. Questo dimostra che per gli uomini d’affari e i politici l’industria della bile di orso non ha futuro ed è quindi necessario cercare attivamente una strada per consegnarla al passato.”

Mentre l’acido ursodesossicolico, l’ingrediente attivo nella bile di orso, viene da tempo prodotto artificialmente in tutto il mondo per l’utilizzo medico, l’intera composizione della bile di orso non è mai stata sintetizzata con successo. La Kaibao, spiega l’associazione, è al momento il primo consumatore di bile di orso e acquista circa 18 tonnellate di bile in polvere ogni anno, quasi la metà di tutta quella prodotta.

Tuttavia resta aperta un’importante questione: la nuova bile di sintesi salva gli orsi ma è stata creata utilizzando bile di pollo. “Per coloro che hanno scelto di condurre una vita cruelty free i farmaci rappresentano un grande dilemma, non solo per quanto riguarda il consumo personale. La gran parte delle medicine prodotte contiene derivati animali o viene testata su di essi” sottolinea il Responsabile Animal Welfare di Animals Asia, Dave NealeLa campagna per rendere l’industria medica e farmaceutica cruelty free è globale. E’ necessario considerare che in questo caso i polli non vengono uccisi appositamente per la produzione dei medicinali. La loro bile infatti è già disponibile come sottoprodotto dell’industria della carne e la sua introduzione servirà ad aiutare migliaia di orsi. Si tratta di un enorme passo in avanti da parte della Kaibao e del Governo Cinese, un passo che Animals Asia accoglie con grande entusiasmo. Naturalmente crediamo anche che tutte le industrie che nel mondo utilizzano animali debbano cambiare direzione. I prodotti farmaceutici sono solo uno dei tanti settori – tra cui quelli alimentare, cosmetico e dell’abbigliamento – che impiega parti animali. Certo non avrebbe economicamente senso allevare polli per la loro bile – se questa fosse la strada, la nostra posizione cambierebbe.”

Fonte: Animals Asia

© Riproduzione riservata