Schesir parte attiva di un nuovo progetto di riforestazione in Cambogia

Obiettivo: comprensare il 100% delle emissioni generate dalla produzione dei cartoncini che rivestono le lattine

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

shesirAgras Delic, tra le maggiori aziende produttrici di pet food, per compensare il 100% delle emissioni di anidride carbonica generate dalla produzione dei cartoncini che rivestono le lattine, sostiene in Cambogia, con il suo marchio Schesir, il progetto di compensazione, sviluppato e gestito da Sustainable Green Fuel Enterprise (SGFE). Il programma, vincitore nel 2014 del prestigioso Ashden Awards, prevede la produzione di carbonella eco-friendly ottenuta dal riciclo di rifiuti urbani organici di biomassa (residui carbonosi delle fabbriche tessili e gusci delle noci di cocco).

SGFE's char-briquettes burning 1La carbonella ecologica ha un rendimento maggiore di quella tradizionale, brucia più a lungo ed emette meno fumo, risultando quindi più economica, più sana e più sicura per l’uomo e per il pianeta. Il progetto ha una particolare importanza per i benefici ambientali e sociali che genera, infatti da una parte preserva le foreste cambogiane dalla deforestazione causata dalla produzione di carbonella tradizionale, riducendo le emissioni di CO2, dall’altra crea posti di lavoro per le popolazioni più povere e favorisce la scolarizzazione dei bambini.

Agras Delic non è nuova a questo tipo di iniziative: negli ultimi anni infatti ha contribuito alla realizzazione di un progetto di forestazione in Italia, sempre in collaborazione con AzzeroCO2, una Energy Service Company (ESCo), cioè una società che si pone come obiettivo primario l’offrire consulenza a enti pubblici e aziende per migliorare la loro efficienza energetica, ridurre e compensare le emissioni di carbonio e gestire i certificati bianchi. AzzeroCO2 è nata nel 2004 su iniziativa di Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia.

Compensare, come spiega AzzeroCO2, significa bilanciare la quantità di CO2 generata da una qualsiasi attività, attraverso interventi di forestazione in grado di assorbirla, oppure impiegando fonti rinnovabili che evitino di produrla. I progetti di compensazione, se opportunamente realizzati e certificati, generano crediti di CO2 che vengono venduti sul mercato volontario. Chi vuole compensare le emissioni può acquistare questi crediti e in questo modo co-finanziare gli interventi con la garanzia che ogni credito acquistato corrisponda a una tonnellata assorbita o evitata.

Agras Delic conferma così il suo impegno nel ruolo di green company, anche attraverso un crescente numero di azioni concrete e trasparenti, come l’uso di packaging realizzati con carta riciclata e, ove non fosse possibile, con materiali riciclabili.

Fonti e foto: AzzeroCO2, Agras Delic 

© Riproduzione riservata