Napoli: è allarme cuccioli

La sezione locale OIPA è allo stremo: “mandateci farmaci”

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Non si arresta a Napoli l’ondata randagismo. Soltanto nelle ultime due settimane, i volontari OIPA hanno recuperato un totale di 31 cuccioli insieme alle loro mamme, segnalati in diversi comuni confinanti con il capoluogo campano.

cuccioli (9)

“In assenza di una politica di prevenzione per un fenomeno che non può arrestarsi, se non con programmi di sterilizzazione a cura di Comuni e ASL, sono sempre i volontari a dover mettere le toppe ad un sistema che non regge e che rischia di scoppiare da un momento all’altro” denuncia l’associazione.

Dopo il soccorso di una cucciolata intrappolata in un cantiere edile e di altri 9 cuccioli trovati in strada con relative mamme, le segnalazioni dei cittadini si susseguono senza sosta, senza lasciare tregua ai volontari e alle guardie eco zoofile OIPA.

Le storie sono tante e le emergenze segnalate non si limitano alle cucciolate: Luce, ad esempio, è stata trovata in un cartone con una ferita sanguinante alle mammelle, da cui i suoi 5 cuccioli continuavano a nutrirsi. Ospitata insieme ai piccoli presso l’abitazione di una volontaria, è in cura con una terapia antibiotica e una crema epitelizzante che sta allentando il dolore procurato dalla lacerazione.

cuccioli (4)Altri 12 cuccioli insieme alla madre sono stati soccorsi nel comune di Qualiano. La madre era molto affamata, i cuccioli disidratati. Accolti presso uno stallo a pagamento, mamma e piccoli sono al sicuro e, mentre la madre sarà reimmessa nel quartiere d’origine dopo la sterilizzazione, i piccoli cercheranno adozione non appena saranno svezzati.
“Anche un giovanissimo labrador è stato trovato abbandonato su una spiaggia privo di microchip, Maila è stata trovata legato ad una palo, direttamente nella sua cuccia e Totò, un simil pinscher, è stato recuperato smarrito per strada dopo essere stato scaraventato fuori da un’auto” spiegano i volontari ormai senza più risorse.

La sezione OIPA di Napoli chiede aiuto in termini di cibo, farmaci e, soprattutto, adozioni urgenti per i cuccioli, che saranno affidati previo controllo pre affido. Per inviare un contributo o offrisi come adottanti scrivete a Vincenza Buono, delegata OIPA di Napoli e provincia –napoli@oipa.org

Foto e fonte: OIPA

 

© Riproduzione riservata