Conversano (BA): quattro cuccioli condannati a morte

I tre superstiti sono affidati alle cure della Lega Nazionale per la Difesa Del Cane, che sporgerà denuncia contro ignoti

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Chiusi stretti in un sacco di plastica spessa affinché morissero asfissiati. Quattro cuccioli, probabile frutto di una gravidanza indesiderata, infilati in un sacchetto della spazzatura, posto all’interno di un altro sacco per il concime, fatto di una plastica molto più spessa, in modo che non filtrasse aria. Infine il deposito dell’involucro dietro i cassonetti della spazzatura situati in periferia, nei pressi del campo sportivo. Questo il sadico piano messo in atto per liberarsi di quattro povere creature innocenti.

LNDC_Conversano_Cuccioli salvati

Per pura fortuna due ragazzi hanno notato qualche leggero movimento e incuriositi hanno aperto il contenitore, scoprendo i cuccioli ammassati uno sull’altro. Benché scossi si sono rivolti immediatamente a Fonte Lofano, presidente della sezione locale di Lega Nazionale per la Difesa del Cane, che, accorsa sul luogo, ha prestato subito i primi soccorsi ai piccoli affannati e accaldati e purtroppo ha dovuto constatare che per uno di loro, quello posto sul fondo del sacco, non c’era ormai più nulla da fare.

I tre sopravvissuti, chiamati Peppa, Placido e Vasco sono stati trasferiti presso un ambulatorio veterinario che ha prestato i primi soccorsi. Nonostante il trauma e la loro tenerissima età, stimata attorno ad appena 15 giorni di vita, fortunatamente le loro condizioni di salute appaiono buone. Ora i piccoli sono ricoverati a casa della presidente LNDC che li accudisce con amore e li alimenta con il biberon. Peppa, Placido e Vasco stanno crescendo rapidamente e si godono le coccole, le cure e le pappe che Fonte Lofano dispensa loro.

LNDC di Conversano ha già avvertito tutte le autorità competenti e sporgerà denuncia auspicando che il colpevole venga identificato e perseguito per i gravi reati commessi.

Fonte: LNDC

© Riproduzione riservata