Corpo Forestale dello Stato: no allo smantellamento

Oggi sit-in di protesta delle associazioni a Roma

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

“L’Italia ha bisogno del Corpo Forestale dello Stato: lo ribadiremo martedì 31 marzo a Roma, dalle ore 9:00 alle ore 13:00 in Piazza delle Cinque Lune (Senato) e, dalle ore 14:30 alle ore 19:00, in piazza Montecitorio (Camera), aderendo al sit-in organizzato dalle sigle sindacali maggiormente rappresentative del Corpo Forestale dello Stato (UGL,SNF,CISL,CGIL,UIL,oltre all’Unione Piloti Forestale)” dichiara la LAV.

L’iniziativa, aperta a tutti i cittadini, risponde all’urgenza di sensibilizzare i Parlamentari e di valorizzare il loro fondamentale ruolo legislativo, per scongiurare il rischio concreto dello scioglimento del Corpo Forestale dello Stato, Forza di Polizia essenziale in uno Stato moderno.
Infatti, è attualmente in via di approvazione, in Commissione Affari Costituzionali del Senato, il Disegno di Legge sulla riorganizzazione della Pubblica Amministrazione, che prevede, di fatto, lo smantellamento del Corpo Forestale dello Stato, quale Forza di polizia autonoma e l’unica specializzata nella tutela degli animali e della sicurezza ambientale.

Fuoristrada_del_Corpo_forestale_e_di_vigilanza_ambientale_della_Sardegna“Il CFS è un punto di riferimento insostituibile non solo per la tutela degli animali e dell’ambiente ma anche per tutti gli Italiani onesti. Lo scioglimento o accorpamento che dir si voglia del Corpo Forestale dello Stato equivarrebbe a cancellare con un colpo di spugna professionalità insostituibili oltre che a una presenza capillare dello Stato sul territorio nazionale, senza la quale la criminalità condurrebbe i suoi turpi traffici pressoché indisturbata” aggiunge Lega Nazionale per la Difesa del Cane “Il tutto in nome di un presunto risparmio gestionale. Una scelta che Lega Nazionale per la Difesa del Cane considera inaccettabile oltre che priva di senso e perciò ritiene indispensabile un ripensamento delle forze politiche in sede bicamerale.”

Alla protesta aderiscono le maggiori associazioni animaliste e ambientaliste italiane: all’appello delle organizzazioni sindacali del Corpo Forestale dello Stato hanno rosposto infatti oltre alla LAV e alla Lega Nazionale per la Difesa del Cane anche Enpa,Greenpeace, Lipu, Wwf, Legambiente e Leidaa.

© Riproduzione riservata