Dona un mattone ai randagi di Enna

Con l’equivalente di un caffè puoi aiutare i volontari OIPA a costruire il nuovo rifugio

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Noi abbiamo un sogno: evitare il canile ai cuccioli di strada. Enna non ha un canile, non ha un rifugio, Enna, per gli animali, non ha proprio nulla. Ogni giorno si fa lo slalom fra i cuccioli investiti, si raccolgono le carcasse dei morti di freddo, di fame, di chissà quali malattie. Enna non sterilizza e il randagismo dilaga a macchia d’olio. Per ogni cucciolo adottato dopo mille sforzi dei volontari, c’è una mamma gravida che ne partorirà altri sei, sette o forse dieci”. Questa è la testimonianza di Valeria, delegata OIPA di Enna, il cui desiderio, insieme a quello dei suoi colleghi, è di costruire per i randagi di Enna un centro di prima accoglienza, un luogo sicuro dove poter mettere al riparo le mamme per la degenza dopo la sterilizzazione, dove accogliere i trovatelli in attesa di adozione, evitando che finiscano dimenticati nel canile convenzionato, una struttura, fa notare OIPA, che ospita circa 1200 cani.

rifugio-volontari-oipaQuel sogno ora è diventato un progetto concreto: dopo più di un anno di attesa e di lunghe pratiche burocratiche, è finalmente arrivata l’autorizzazione richiesta e il 30 ottobre sono iniziati i lavori di costruzione della struttura che sarà realizzata su un terreno messo a disposizione da un socio OIPA.

Il progetto prevede l’edificazione di 8 box con una capienza iniziale di 24 cani, un’area per la nursery, due aree di sgambamento, un magazzino e un eventuale box d’isolamento sanitario. In questo centro di accoglienza saranno innanzitutto collocati i cani in cerca di famiglia ospitati presso le abitazioni di alcuni volontari e alloggiati in alcuni locali concessi temporaneamente dal comune.

mattone-oipa-ennaPer la realizzazione del rifugio fra materiali e mano d’opera è stata preventivata una spesa di 15 mila euro. Per raggiungere questa grossa somma la sezione OIPA di Enna ha lanciato una campagna di raccolta fondi: Dona un mattone per il centro di accoglienza Palle di Pelo” equiparando il valore di un mattone ad un euro
Di mattoni ne servono 15 mila, e chiunque può scegliere quanti mattoni donare, 100, 10 o anche un solo mattone, il costo di un caffè.

Per maggiori informazioni: OIPA

© Riproduzione riservata