Comune di Milano: basta circhi con gli animali

Approvata la mozione del Movimento 5 Stelle

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

La notizia arriva direttamente dal Consigliere Comunale Mattia Calise del Movimento 5 Stelle che sul blog di Beppe Grillo annuncia l’approvazione della mozione presentata dal loro gruppo, che vieta di fatto l’utilizzo di animali negli spettacoli circensi all’interno del comune di Milano.

circhi-milano-m5sLa mozione impegna il Sindaco e la Giunta Comunale a:

– non rilasciare autorizzazioni sul loro territorio per spettacoli circensi in cui si usano e si sfruttano, contro natura, gli animali;
–  sollecitare il governo a vietare, con legge statale, l’uso di animali negli spettacoli circensi in Italia (“come già accade in altri Stati, compresi Inghilterra e Francia”);
– sollecitare lo Stato a concedere i contributi statali per i circhi solo nel caso essi non usino animali;
– creare le condizioni affinché tutta la popolazione venga meglio informata sulla materia e venga sensibilizzata tutta l’opinione pubblica a disertare spettacoli che fruttano gli animali;
– modificare di conseguenza le condizioni di attendamento circhi all’interno del regolamento per la tutela degli animali.

Milano si aggiunge così alle molte amministrazioni comunali che hanno approvato un apposito regolamento per le attività di spettacolo viaggiante, disponendo che nel territorio comunale non siano più accolti spettacoli di intrattenimento pubblico o privato con uso di animali di specie selvatiche ed esotiche individuate dalla CITES.

Del resto, sottolinea ancora la mozione, “il circo è un’arte antica che merita di essere difesa e tramandata, ma non più impiegando animali selvatici ed esotici. Non a caso il circo di maggior successo a livello mondiale è animato soltanto dall’abilità di acrobati, giocolieri e clown, che è giunto il momento di ridare la loro dignità agli animali, lasciandoli vivere nel loro habitat, mentre il circo deve continuare ad esistere usando solo risorse e sinergie umane” Inoltre “le condizioni di detenzione degli animali nei circhi vengono identificate come non idonee anche da riconosciute autorità scientifiche. La British Veterinary Association non ritiene che i bisogni relativi al benessere degli animali selvatici/esotici possano essere soddisfatti nell’ambiente dei circhi itineranti”

Sempre più paesi nel mondo hanno aderito al bando degli animali dai circhi, un numero in continua crescita anche in Europa. Ci auguriamo che si riesca ad arrivare presto anche ad una legge nazionale che regoli questi spettacoli.

Qui il comunicato completo.

© Riproduzione riservata