Adozioni del cuore: Trudy

Casi speciali: Lazio

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail
Dal Canile Comunale di Velletri, lettera alla mia futura mamma:

“Cara mamma, sono io, la tua piccola Trudy.
Stanotte fa freddo e io ti immagino, penso a come potresti essere, perchè ancora non ho perso la speranza che tu un giorno possa vedere una mia foto e scegliere proprio me…
Per questo ti scrivo, perchè tu legga la mia lettera, sentendo che siamo fatte l’una per l’altra…
Ormai sono due anni che vivo in questo canile, la mia casa adesso è la gabbia numero 23…
All’inizio è stata molto dura sai, se mi avessi visto allora ti avrei fatto spavento… quando mi hanno abbandonata ero magrissima, senza peli, con le unghie lunghissime e tutta piena di croste per colpa della dermatite, mi hanno anche dovuto togliere una ciste dal collo… ma ora come vedi sto abbastanza bene, il pelo è ricresciuto quasi tutto e ho anche messo su un po’ di ciccia, adesso peso 13 kg…
I pochi denti che ho in bocca sono sempre più limati, ma gli operatori del canile mi mettono le crocchette inumidite con l’acqua e allora io le mangio senza problemi…
C’è una novità sai? Prima non sopportavo gli altri cani, ma ora che sono diventata un po’ più vecchietta e tranquilla vivo con Bolt, un cagnolino nero più piccolo e più giovane di me.
Nonostante sia il mio compagno, comunque non sopporto che si avvicini ai volontari perché sono gelosa, preferisco avere tutte le attenzioni per me, forse perché la mia vita è stata piena di sofferenze e delusioni.
Cara mamma ti scrivo per dirti che sono tanto stanca, ho compiuto 15 anni e vorrei con tutta me stessa che tu mi venissi a prendere, perché non credo di sopportare ancora per molto tempo questa vita, le umane del canile dicono che i miei occhietti si stanno spegnendo.
Mamma io non ti conosco, ma so che sarai una mamma perfetta e io ti amerò fino all’ultimo battito del mio cuoricino.
Io ti aspetto mamma, non tardare, non deludermi anche tu.
Non lasciarmi morire qui.

Ti voglio bene,

Tua Trudy

GUARDA QUI L’APPELLO DI TRUDY

TRUDY-velletri

 

© Riproduzione riservata