Conigli: “istruzioni per l’uso”

Le 10 cose che devi assolutamente sapere prima dell’adozione

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Conigli: orecchie lunghe, pelo morbido e sguardo dolcissimo. Ormai sei totalmente stregato da quel piccolo batuffolo con gli occhioni più languidi che tu abbia mai visto. Ma decidere di condividere la propria vita con un altro essere vivente deve essere una scelta responsabile e sopratutto consapevole. Per questo è importante avere tutte le informazioni necessarie prima di fare questa scelta.

conigli
Ecco le 10 cose assolutamente da sapere sui conigli prima di adottarne uno.

INFORMAZIONE
Se stai pensando di accogliere un coniglietto in casa, la prima cosa da fare è documentarti su quali sono le caratteristiche di questo animale e le sue esigenze, per prepararti il più possibile ad accoglierlo al meglio. Informati sulla sua alimentazione, sulla salute, il comportamento e le attività che potrà fare da solo e che potrete fare insieme per divertirvi e diventare grandi amici.

ADOZIONE VS ACQUISTO
Ci sono moltissimi coniglietti in cerca di una famiglia che li ami e che dia loro una seconda possibilità. Sono tutti quei conigli che sono stati rifiutati o abbandonati o “restituiti” proprio a causa della disinformazione. Adottare un coniglio è facile: basta avere la sincera intenzione di aiutare degli animali che hanno avuto la sfortuna di non essere stati conosciuti abbastanza e compresi. I vantaggi di un’adozione sono innumerevoli: nella maggior parte dei casi puoi conoscere fin da subito il sesso e l’età del coniglio, le sue condizioni di salute, il suo carattere, i suoi punti di forza e le sue debolezze. Spesso i conigli vengono dati in adozione già vaccinati e sterilizzati grazie ai volontari che si rivolgono a veterinari specializzati in animali esotici, il che comporta anche un risparmio economico rispetto al fare tutto da soli. Adottando, eviterai inoltre il commercio di esseri viventi senzienti e avrai la garanzia di ricevere informazioni corrette sulla gestione dell’animale.

IMPEGNO E COSTANZA
La vita media di un coniglio si attesta oggi intorno agli 8 anni, ma se gestito correttamente può arrivare a superare anche i 10 anni. La compagnia e l’affetto che ci dà per così tanto tempo merita di essere ricambiata con le dovute cure e attenzioni, con impegno e costanza, come faresti per qualsiasi altro animale. Un coniglio non è un “regalo” di cui ci si può stufare e che si può relegare in un angolo. Per questo, esistono i peluche. Un coniglio è un amico e un amico è per sempre.

CONIGLIO E BAMBINI
Il coniglio è un animale delicato, che potrebbe subire traumi fisici e psichici se manipolato nel modo sbagliato o se fatto cadere. È inoltre un animale preda che sa difendersi istintivamente molto bene se messo sotto stress. Può graffiare e anche mordere se strapazzato o esasperato. Questo non significa che non possa andare d’accordo con i bambini, ma accogliere un coniglietto se in casa ci sono dei bimbi richiede la presenza di genitori sensibili, consapevoli e responsabili e un’attenta valutazione della predisposizione e delle responsabilità di tutti i componenti della famiglia.

SPAZIO E LIBERTA’
Il coniglio non è assolutamente un animale da gabbia. Quelle che si vedono nei negozi sono lì per essere vendute, non per fare da casa al coniglio, indipendentemente dalle dimensioni. La gabbia, se presente, deve essere solo un accessorio che faccia da tana e rifugio, ma dovrà rimanere sempre rigorosamente aperta (anche e soprattutto di notte, quando i conigli sono più attivi) e potrà essere utilizzata al meglio semplicemente usandola come punto di appoggio per appendervi una rastrelliera per il fieno, il beverino per l’acqua e una lettiera per i bisogni del coniglio. Ogni animale è nato per essere libero. La gabbia può anche non essere acquistata, risparmiando denaro per ciò che è davvero necessario per il coniglio: alimentazione, cure veterinarie se necessarie, giochi che stimolino il corretto sviluppo e una sana crescita dell’animale.

ALIMENTAZIONE
Il coniglio è un erbivoro stretto. Questo significa che la sua dieta è rigorosamente costituita da vegetali freschi e secchi e poca frutta. Erba, fieno, verdure/ortaggi e un po’ di frutta ogni tanto è tutto ciò di cui ha bisogno un coniglio. Tutto il resto, dai semi alle granaglie, dai mangimi preconfezionati agli snack per roditori, dai carboidrati come il pane o i crackers ai dolciumi porterebbe solo a grossi problemi di salute per il coniglio.

VACCINAZIONE
Un coniglio non vaccinato rischia la morte ogni giorno a causa di due malattie, la Mixomatosi e la Malattia Emorragica Virale, che sono innocue per l’uomo ma estremamente contagiose, incurabili e mortali per lui. Queste malattie si trasmettono tramite gli insetti (tra cui le zanzare) quindi sono pericolose anche per i conigli che vivono in casa tutto l’anno.

STERILIZZAZIONE/CASTRAZIONE
Che il coniglio sia maschio o femmina, che viva in coppia con un suo simile o sia single, la sterilizzazione/castrazione è un atto d’amore verso il tuo coniglio. I conigli si sviluppano tra i 3 e i 6 mesi. Da questo momento il loro comportamento viene influenzato dal bombardamento ormonale e può tradursi in azioni difficili da gestire e accettare per noi e incredibilmente stressanti per loro. Marcature territoriali, feci e urine in qua e in là per la casa, aumento dell’aggressività, soffi, ringhi, morsi, ma anche continui corteggiamenti con atteggiamenti di monta di oggetti e arti umani. I maschi possono sviluppare tumori alla prostata e le femmine andare incontro a gravidanze isteriche prima e a infezioni e tumori dal secondo anno di età in poi. Preoccuparti del suo benessere è un tuo preciso dovere, dal momento che decidi di accoglierlo in casa senza aver chiesto il suo parere!

UNA CASA A PROVA DI CONIGLIO
Come quando nasce un bambino e rivoluziona spazi, tempi e abitudini, anche quando decidi di accogliere un animale nella tua casa devi essere consapevole che avrà delle esigenze e dovrai essere disposto ad andare loro incontro. Accogliere un coniglio significa sapere che, anche se non è un roditore, gli piace rosicchiare, esplorare con linguetta e zampette, scavare e intrufolarsi. Cerca di adattare la casa alle sue caratteristiche e inclinazioni: metti reti alle ringhiere dei balconi affinché non caschi di sotto, solleva le tende e copri i cavi e i fili elettrici, togli dalla sua portata le piante d’appartamento (quasi sempre tossiche), copri i divani se necessario e inibiscigli l’accesso a determinati punti o stanze della casa con un cancelletto per bambini.

GIOCARE E DIVERTIRSI PER CRESCERE
Il coniglio è un animale sociale e gregario, che in natura forma gruppi e colonie anche numerose. Se lasciato troppo a lungo da solo o senza far nulla il coniglietto soffrirà la solitudine e potrebbe rivolgere le proprie attenzioni a mobili, arredi o qualsiasi cosa possa procurargli piacere e divertimento. Ricorda che è un compagno di vita e non un soprammobile da mostrare agli ospiti. È tuo amico e agli amici si dedica tempo per giocare e divertirsi insieme. Offri al tuo coniglio giochini che possa fare da solo, ma proponigli anche attività da fare insieme per imparare a conoscervi meglio e apprezzare un rapporto che diventerà ogni giorno più stretto e intenso.

Romy Carminati
Etologa Relazionale. Educatrice e Mediatrice nell’Interazione e nella Relazione Umano-Coniglio
Addestrareconigli.it

bannerXanimalRepublic

© Riproduzione riservata