Solo 15 euro per salvare una vita

Primo compleanno per “Gli Ultimi”. Salvati già 196 roditori

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Ventitré animali (rattini e porcellini d’India) ceduti da privati, settantasei attualmente in cerca di casa e novantasette felicemente adottati: è questo il bilancio del primo anno di attività del progetto “Gli Ultimi” – il rifugio che si trova alle porte di Parma – avviato nell’autunno del 2013 dall’Associazione no-profit Freccia 45 in collaborazione con il Centro Internazionale per le Alternative nella Ricerca e nella Didattica I-Care.

Topini gli ultimi

A esclusione dei roditori ceduti da privati, tutti gli animali che sono giunti al rifugio sono stati recuperati dai laboratori di vivisezione sparsi in tutta Italia grazie all’incessante lavoro condotto dal dott. Massimo Tettamanti, Responsabile di I-Care Onlus.

Ma quanto serve per salvare una vita? Solo 15,72 euro. Il costo del primo anno di attività – che ha interessato sostanzialmente spese veterinarie, medicine, cibo e gabbie di trasporto – è stato infatti pari a 3.083 euro. L’abbattimento delle spese è stato possibile grazie a Fabio, che ha ceduto gratuitamente i propri locali per farne il rifugio, nonché alla passione e all’amore per gli animali di GianLuca, Elisa e dello stesso Fabio, esperti nella riabilitazione.

Freccia 45 non riceve alcun contributo pubblico e non è convenzionata con alcun ente o Comune. È possibile aiutare l’associazione nella ricerca di adottanti e nella raccolta di fondi per il mantenimento del rifugio, nonché effettuare donazioni tramite bonifico bancario, con carta di credito o con PayPal sulla pagina www.freccia45.org, causale: “Gli Ultimi”.

Foto: Freccia 45

© Riproduzione riservata