Lunedi 10 novembre cena in favore degli “Ultimi”

Freccia 45 organizza una raccolta fondi in favore degli animali salvati dalla vivisezione

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

In Italia esistono circa 700 centri connessi alla vivisezione (vedi articolo) e gli esperimenti che vengono compiuti all’interno degli stabulari sono finanziati per gran parte con fondi pubblici e quindi con le tasse dei cittadini. Il 12 agosto 2013, l’Associazione svizzera ATRA comunicava che, grazie ad I-CARE, era riuscita a bloccare ben 6 sperimentazioni su animali in Svizzera ed in Italia.
Il numero di animali salvati rappresentava e rappresenta ancora oggi la più grande operazione mai realizzata di salvataggio di animali da laboratorio, circa 6.000 topi, 250 ratti550 cavie e 4 gatti femmina di 6-7 anni.

Topini gli ultimiDa questo salvataggio nasce il progetto “Gli Ultimi“, il rifugio alle porte di Parma aperto da FRECCIA 45 in collaborazione con I-CARE e coordinato dal Dott. Massimo Tettamanti.
L’Associazione no profit FRECCIA 45 e I-CARE, organizzano per lunedì 10 novembre una cena vegan per sostenere il progetto di riabilitazione di questi animali.
La cena celebra inoltre il primo anno di attività del rifugio, che continua nella propria opera di salvataggio grazie anche e soprattutto alla passione ed amore per gli animali di GianLuca, Elisa e Fabio.
Le prenotazioni verranno raccolte fino a giovedì 6 novembre. Scrivete a info@gliultimi.org.

Per chi non potesse partecipare, al rifugio servono sempre attrezzature, come tunnel per roditori e gabbie o trasportini in buono stato, oltre a mangime e pane secco o dolciumi non scaduti.
Infine per chi volesse effettuare una donazione trovate qui gli estremi per il bonifico.

gli ultimi freccia 45

© Riproduzione riservata