Malta sospende la caccia autunnale

Quest’anno doppiette a riposo fino alla fine del periodo di migrazione

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Decisione storica quella del governo maltese: fucili fermi fino alla fine della stagione migratoria. Una rivoluzione per un Paese che conta  la più alta densità di cacciatori in Europa: 41 cacciatori per km². Ben 32 sono le specie cacciabili, fra cui le allodole, tortore, pavoncelle, pivieri dorati, combattenti e le 5 specie di tordi. Praticamente tutto ciò che ha penne e vola.

cicogna
Solitamente la stagione di caccia inizia al principio di settembre e termina il 31 di gennaio, ma quest’anno il permesso di sparare è stato sospeso a causa dei continui atti di bracconaggio che stanno mettendo in serio pericolo le specie protette di uccelli.
Secondo quanto riportato da La Stampa, il provvedimento è stato deciso dopo l’ennesima strage di cicogne, che sono state identificate come parte di un progetto di studio attuato nei pressi di Udine (sono scomparsi diversi esemplari muniti di anello identificativo).
Non sono mancate ovviamente le proteste della Federazione della Caccia di Malta. Ma, per ora, tutti a riposo fino a primavera.

 

© Riproduzione riservata