21 settembre: presidio al palio di Asti

Protesta delle associazioni animaliste contro la manifestazione

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

presidio palio asti_iconaDa anni le associazioni animaliste protestano contro lo sfruttamento dei cavalli nelle manifestazioni popolari come palii e giostre, che si rivelano di anno in anno sempre più pericolose.
Nella scorsa edizione del Palio di Asti un cavallo, Mamuthoned, ha perso la vita perché il suo fantino l’avrebbe incitato a partire prima che si desse avvio alla gara attraverso l’abbassamento del canapo da parte del mossiere, facendolo così inciampare sulla corda tirata e morire nella caduta. Per questo incidente la procura ha aperto un’indagine (vedi articolo).
L’appuntamento per il presidio di protesta organizzato dal settore equidi di Lav è per il 21 settembre 2014 ore 14.30 – Corso Dante angolo via Cesare Battisti.
Al presidio hanno dato adesione diverse associazioni animaliste, ed è aperto “a tutti gli attivisti che siano in linea con una posizione abolizionista e che siano dotati della capacità di comprendere che si tratta di una manifestazione di protesta ma anche di sensibilizzazione degli astigiani, affinché sempre più persone dicano NO con noi a queste assurde feste, dove trovano la morte tanti cavalli” ha dichiarato sulla pagina dell’evento facebook la responsabile del settore Equidi di Lav.
Gli organizzatori hanno tenuto a precisare che il presidio sarà assolutamente pacifico e che non saranno accettati comportamenti violenti, atti di vandalismo (come imbrattare i muri), manifesti e striscioni con parolacce ed insulti.

 

© Riproduzione riservata