Purosangue muore al Palio di Asti nel 2013

Inizierà a breve il processo contro il fantino

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

LEAL, AIDAA, ENPA, LAV e OIPA non ci stanno e citano Jonathan Bartoletti, in giudizio. Il fantino, che vanta dieci esperienze al Palio di Siena, di cui due vittorie, avrebbe spronato il cavallo a partire prima del tempo, provocandone la caduta e conseguentemente la morte.

Ma veniamo ai fatti. Ad Asti a settembre si corre un Palio molto famoso e discusso. Per alcuni una gara con la partenza più difficile tra le manifestazioni italiane. E’ il pomeriggio del 15 settembre 2013 e cavalli e i fantini sono ai nastri di partenza, è la prima delle tre batterie in cui si sfidano i 21 rioni e borghi di Asti e della provincia. Il cavallo di Santa Maria Nuova, uno stupendo purosangue, inciampa nel canapo, cade battendo la testa e muore. La manifestazione viene sospesa.

palio asti crs

Il fantino viene denunciato dalle associazioni per maltrattamento di animale (art. 544-ter) in quanto, senza necessità, avrebbe cagionato la morte del cavallo. Secondo il Pubblico Ministero, infatti, Jonathan Bartoletti è imputato per avere in veste di fantino del cavallo Mamuthoned incitato l’animale per effetto di energiche nerbate a lanciarsi in corsa prima che i purosangue fossero tutti pronti per la partenza e così prima che si desse avvio alla gara attraverso l’abbassamento del canapo da parte del mossiere, è inciampato – per l’effetto – sulla corda ancora issata, cadendo al suolo, urtando violentemente la testa con conseguente immediato decesso.
A breve inizierà il processo presso il tribunale di Asti.

Guarda qui il video dell’incidente

© Riproduzione riservata