Mucche “gonfiate” con il cortisone

Allevatore denunciato per maltrattamento

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Animali gonfiati con desametasone, un derivato sintetico del cortisolo appartenente alla famiglia dei corticosteroidi. Il cortisolo utilizzato normalmente come antinfiammatorio in medicina veterinaria, in alte dosi o associato ad altre sostanze, è un promotore della crescita nel bovino. Secondo quanto riportato da La Repubblica, in seguito ad un controllo a campione eseguito un anno fa in un allevamento di Scalenghe (TO) sono risultati positivi due bovini su tre a questa sostanza. La Procura di Torino ha aperto un’indagine, appurando, attraverso una consulenza disposta dal pm Raffaele Guariniello, che la sostanza, presente oltre i limiti tollerati, aveva contaminato la massa muscolare degli animali, e di conseguenza la carne destinata all’alimentazione. Il titolare dell’allevamento rischia ora un processo per corruzione e adulterazione di sostanze destinate all’alimentazione, che prevede una pena tra i tre e i dieci anni di carcere, frode in commercio, falso e per altri quattro reati connessi tra cui il maltrattamento di animali.

mucca 2

© Riproduzione riservata