Ken e il suo sogno: trasformare il garage di casa in un rifugio per animali

A soli 9 anni ha fondato un’associazione per raccogliere fondi. Il web ha fatto il resto. Nasce così nelle Filippine “The Happy Animals Club”, la prima struttura di accoglienza gestita da un bambino

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Ken ha 9 anni, da sempre sogna di avere un rifugio per animali, dove aiutare tanti amici a quattro zampe a vivere una vita serena. “I grandi continuavano a dirmi che per realizzare il mio desiderio avrei avuto bisogno di molti soldi e che sarebbe stato difficile”, racconta sul suo sito HappyAnimalsClub.org. Per fortuna i grandi a volte si sbagliano.
Il bimbo, che vive nelle Filippine, nel mese di febbraio ha adottato tre cani randagi, Blackie, Brownie e White Puppy, li ha nutriti e curati. Le foto di questo atto di bontà, messe online dal padre, hanno fatto il giro del mondo e, a soli due mesi di distanza, il sogno di Ken è diventato realtà grazie alla rete. La gente di tutto il pianeta ha cominciato a donare.

Untitled

Ken e suo padre sono stati in grado di costruire un rifugio temporaneo per i tre cani nel loro garage. Un rifugio con un’insegna che Ken ha dipinto personalmente con la scritta “The Happy Animals Club”.
«Abbiamo messo da parte abbastanza soldi – racconta il bambino – per poterli nutrire con cibo di qualità e fornire loro cure veterinarie. Hanno subito preso peso, le loro ferite sono guarite e il loro pelo è ricresciuto. Hanno anche imparato a non aver paura degli esseri umani». E presto potranno essere adottati da una nuova famiglia.
Grazie al sito e all’associazione no-profit messa in piedi sono stati raccolti circa 1.100 euro, utilizzati per affittare per un anno una struttura di circa mille metri quadrati.
«Non ho ancora abbastanza soldi per ospitare altri cani, ma spero di poterlo fare presto – scrive Ken – Abbiamo bisogno di creare un sistema che ci permetta di curare i cani e trovare loro una buona casa. È una grande sfida perché qui nelle Filippine la maggior parte della gente vuole cani di razza. Non amano i meticci, anche se sono intelligenti, fedeli e adorabili».
La strada da percorrere è ancora lunga, mancano permessi, acqua, volontari e cibo. Ma, nonostante questo, la storia di Ken è in grado di dimostrare a tutti che per realizzare i propri sogni non serve la bacchetta magica, tanto cara alle favole con cui i bimbi crescono. Serve coraggio, creatività e spirito di iniziativa. Impariamo dai piccoli.

Le immagini sono di: ©HAPPYANIMALSCLUB INC.

 

 

© Riproduzione riservata