Il mio amico Nanuk. Un film di sopravvivenza e amore

In uscita in italia il 13 novembre, racconta la storia di amicizia tra un ragazzo e un cucciolo d’orso separato dalla madre

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Si sono concluse la settimana scorsa le riprese de ‘Il mio amico Nanuk’ di Roger Spottiswoode, una produzione sotto il segno del “Made in Italy” originata da Medusa che ha commissionato la sceneggiatura a Hugh Hudson, basata sulla storia di Brando Quilici. Il film, prodotto da Brando Quilici, Karine Martin e Ashok Amritraj e distribuito in Italia il 13 novembre da Medusa, racconta la storia di sopravvivenza e amicizia tra un giovane ragazzo e un cucciolo di orso polare.

Untitled
Tra i ghiacci del Canada settentrionale, il piccolo Luke scopre che un giovane orsetto è stato separato dalla madre. Ponendosi come obiettivo quello di trovare un modo per ricongiungere i due, Luke trova l’aiuto di Muktuk, mezzo Inuit e mezzo canadese, che conosce bene il territorio dove vivono gli orsi polari. Per portare a termine la missione, Luke dovrà imparare a proteggere se stesso e il cucciolo dai pericoli che la natura selvaggia offre.

© Riproduzione riservata