Il primo tablet per cani

Nutre, educa e tiene compagnia per vincere la noia domestica. Ci mancava?

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

La nostra sete di tecnologia non ha confini. Dopo i bambini tocca ai cani essere stregati dalle magiche tavolette che ci hanno cambiato la vita. Se in meglio o in peggio è ancora da stabilire.
CleverPet, questo il nome della prima ciotola interattiva studiata per animali domestici, aiuta gli amici a quattro zampe a sconfiggere la noia nell’attesa che i padroni tornino a casa.

E’ una console di apprendimento che educa e alimenta il cane utilizzando tecniche scientificamente provate, che si adattano alle sue esigenze individuali. Usa algoritmi all’avanguardia basati sulle scienze comportamentali che consentono di premiare Fido con un croccantino quando scopre qualcosa di nuovo. Il dispositivo è dotato di tre pad sensibili al tocco, che si accendono in modo interattivo e possono essere cliccati con il naso o la zampa.
I livelli di gioco sono monitorati e tarati in tempo reale, non sono mai né troppo semplici né troppo complicati, e i progressi possono essere visonati dal padrone grazie al collegamento wi-fi al computer o allo smartphone.
Il processo di apprendimento prevede quattro step: inizialmente il cane riceve cibo “free” dalla ciotola, nella seconda fase per avere un croccantino dovrà toccare uno qualsiasi dei tre pad, poi quello indicato dalla luce e infine dovrà indovinare una sequenza.

La ciotola intelligente è frutto dell’ingegno creativo dello psichiatra americano Leo Trottier. Lanciato da una campagna di raccolta fondi su KickStarter, questo particolare tablet sarà in commercio dal prossimo anno. A cinque giorni dalla conclusione dell’iniziativa, la somma raccolta ha già ampiamente superato la cifra necessaria per finanziare il progetto, fissata a 100 mila dollari.

Continueremo a domandarci se davvero ci mancava ma con ogni probabilità cominceremo a trovarlo nelle case degli amici e impareremo ad ammirare Fido intento a completare uno schema di gioco dopo l’altro.

 

© Riproduzione riservata